Quantcast

Moustafa (Tu@ Saronno) spiega il voto contro l’operato della Giunta sul commercio

La consigliera di Tu@ Saronno chiarisce le ragioni che l'hanno portata, nel Consiglio comunale del 26 novembre, a votare a favore dell'emendamento della consigliera Marta Gilli, nei fatti mandando sotto nella votazione la maggioranza al governo della città

Saronno, il nuovo consiglio comunale

A qualche giorno di distanza dal Consiglio comunale di Saronno di venerdì 26 novembre, arrivano le spiegazioni sulla spaccatura all’interno dei gruppi che sostengono il sindaco Augusto Airoldi, verificatasi nel corso della discussione della mozione sul commercio locale presentata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia (qui l’articolo).

Uno degli ultimi emendamenti presentati al testo originario della mozione era stato quello della consigliera indipendente Marta Gilli, che invitava sostanzialmente l’amministrazione comunale a cambiare rotta rispetto a quanto fatto finora in materia di commercio e ad intraprendere una vera e condivisa azione di sostegno al commercio locale.

L’emendamento era stato votato positivamente oltre che dal centrodestra, da Obiettivo Saronno, la cui posizione critica sulla gestione delle deleghe a Commercio e Attività produttive era già nota da tempo, e inaspettatamente anche dalle consigliere di maggioranza Lucy Sasso (Pd) e Nourhan Moustafa (Tu@ Saronno), di fatto mandando sotto la maggioranza al governo della città. 

Il sindaco Airoldi commenta la spaccatura all’interno dei gruppi di maggioranza

A chiarire le ragioni del proprio voto ora è la stessa consigliera Nourhan Moustafa: «Mi spiace deludere i commentatori che ho letto in questi giorni, ma tengo a precisare che mi sento pienamente parte dell’amministrazione Airoldi, come ho dimostrato votando a favore dell’emendamento proposto dai capigruppo Rufini, Licata e Cattaneo per la mozione presentata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia».

«Nelle scorse settimane – continua la consigliera di Tu@ Saronno – in preparazione al voto di questa mozione – poi ritirata, a dimostrazione di quanto i presentanti tenessero alla cosa – ho incontrato alcuni commercianti del centro storico per informarmi meglio su quelle che sono le problematiche che vivono quotidianamente e ho trovato una situazione di criticità reale dovuta a diversi fattori concorrenti. L’invito predisposto dall’emendamento è quello di ampliare l’incisività e il raggio d’azione dell’amministrazione. Il mio voto favorevole all’ulteriore emendamento della consigliera indipendente Marta Gilli è da intendersi come rafforzativo di questo invito, e non certo – come si è voluto forzatamente leggere – come sfiducia nei confronti della maggioranza, dell’assessore o del sindaco. Anzi».

«Come consigliera di Tu@Saronno – conclude Moustafa -, farò quanto mi è possibile per sostenere il lavoro di Angela Codarri, rappresentante dell’Amministrazione nel DUC, e Lorenzo Castronuovo, nostro rappresentante in Commissione Commercio, figure che hanno il compito di aiutare l’assessore D’Amato nel proprio incarico di sostegno a un settore cruciale per Saronno, come è il commercio, che sta attraversando ormai da anni un periodo molto difficile, aggravato dalla situazione contingente di pandemia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore