Quantcast

Chiude lo stabilimento di Lomazzo, i sindacati contro Henkel: “Irresponsabili”

Cgil, Cisl e Uil ribadiscono la loro posizione contro la multinazionale tedesca che a metà febbraio ha annunciato la volontà di chiudere lo stabilimento di Lomazzo entro giugno, mettendo a rischio 160 posti di lavoro

Generica 2020

Le sezioni comasche delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil ribadiscono la loro posizione contro Henkel, la multinazionale tedesca che il 18 febbraio ha annunciato la volontà di chiudere lo stabilimento di Lomazzo entro giugno, mettendo a rischio circa 160 posti di lavoro tra i dipendenti e l’indotto. Questo il comunicato diffuso dai sindacati.

#IrresponsabileHenkel

Giovedì 18 febbraio è stato comunicato alle Organizzazioni Sindacali FILCTEM-CGIL FEMCA-CISL UILTEC-UIL la decisione di chiudere entro giugno lo stabilimento Henkel di Lomazzo.
Henkel opera in tutto il mondo con innovazioni. marchi e tecnologie leader in tre settori: Adesivi Industriali, Cura della Persona e Detergenza .

Nel sito produttivo di Lomazzo lavorano circa 160 persone tra dipendenti diretti e lavoratori delle aziende che lavorano al servizio di Henkel. Nel sito produttivo di Lomazzo infatti sono operative, oltre ad Henkel che occupa 81 persone le società:

  • ALPLA che occupa 14 lavoratori società e che produce i contenitori in plastica
  • Castelli Livio che occupa 15 dipendenti e si occupa di autotrasporti e deposito materiali
  • Polo dei Servizi 21 dipendenti che si occupano di logistica..
  • Sodexo società che si occupa della ristorazione e pulizia 7 lavoratori
  • Nit e Nord Impianti aziende che gestiscono la manutenzione ed occupano 13 dipendenti
  • Cattaneo Impianti che con 6 dipendenti si occupa di manutenzione elettrica
  • DSI .società che occupa 11 dipendenti per la gestione della guardiania.

Lo stabilimento di Lomazzo si occupa di detergenza e produce marchi conosciuti dai consumatori italiani quali DIXAN, PRILL, NELSEN, VERNEL, PERLANA….

La decisione di Henkel è motivata da Marketig Aziendale. Sostanzialmente chiudono un sito non per crisi economica ma PER AVERE UN SOLO STABILIMENTO IN ITALIA oggi sono due uno a Lomazzo ed uno a Ferentino.

I DUE STABILIMENTI ITALIANI DEVONO CONTINUARE AD OPERARE ENTRAMBI . IN QUESTA FASE NESSUNO PUO’ ESSERE LASCIATO INDIETRO.

Non condividiamo la decisione della MULTINAZIONALE non si può impoverire un territorio come il nostro. non si possono lasciare famiglie senza Lavoro ; non si può utilizzare un territorio per quasi 90 anni (Henkel è presente a Lomazzo dal 1932) e lasciare macerie quando si decide di spostare le produzioni.

LO STABILIMENTO DEVE RIMANERE APERTO PERCHE’ IL LAVORO E’ LA BASE DEL BENESSERE DI UN TERRITORIO Il motto di Henkel è “Creare valore sostenibile- in questo caso dove sta la Sostenibilità?

#irresponsabileHenkel #nochisuraHenkelLomazzo

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore