Quantcast

Calegari presenta la nuova Giunta comunale di Cislago

L'ex consigliera di ViviCislago Romina Codignoni vicesindaco, l'ex vicesindaco Chiara Broli riconfermata al Sociale. Calegari tiene per sé le deleghe all'Urbanistica, ai Lavori pubblici, alla Sicurezza, alla Protezione civile e allo Sport

Generica 2020

È composta da 3 uomini e 2 donne la Giunta comunale 2021 – 2026 presieduta dal neo sindaco di Cislago Stefano Calegari. 

Galleria fotografica

Il nuovo Consiglio comunale di Cislago 4 di 20

Il primo cittadino ha ufficializzato le deleghe durante il primo Consiglio comunale di insediamento, tenutosi sabato 23 ottobre al parco Castelbarco, davanti ad una numerosa platea di cittadini.

Il nuovo Consiglio comunale di Cislago

I nomi: Romina Codignoni, vicesindaco e assessore con delega a Istruzione, Cultura e Pari Opportunità; Giampaolo Mazzucchelli, assessore con delega a Bilancio, Lavoro, Commercio, Artigianato e Industria; Chiara Broli, assessore con delega ai Servizi per le persone e le famiglie; Michele Uboldi, assessore con delega a Transizione ecologica, Viabilità ordinaria e lenta, Turismo.

Al sindaco Stefano Calegari restano le importante deleghe all’Urbanistica, ai Lavori pubblici, alla Sicurezza, alla Protezione civile e allo Sport. 

«La Giunta è composta da persone competenti, preparate e determinate, persone di fiducia. Credo che faremo tanta strada insieme nell’interesse della comunità – commenta il sindaco Calegari -. Ho tenuto parecchie deleghe perché in questa prima fase mi interessa capire bene il funzionamento del Comune e dare la giusta rotta e la giusta direzione, in seguito vedremo».

Generica 2020

Sono state comunicate inoltre le deleghe affidate ai consiglieri di maggioranza: Pierpaolo Grisetti, che avrà anche il ruolo di capogruppo del gruppo consigliare IES – Impegno e Serietà,avrà la delega ai fondi del Piano nazionale ripresa resilienza (PNRR), Elettra Borghi al Terzo Settore e Coesione Sociale, Vilma Livia Pagani alle Relazioni tra le Politiche sociali e le Politiche Sanitarie e infine Alessandro Filippo Guadagni quelle alle Politiche giovanili e agli eventi.

Nel discorso di insediamento Calegari ha poi ringraziato il commissario prefettizio Federica Crupi e l’ex sindaco Gian Luigi Cartabia: «Ringrazio chi mi ha preceduto per il loro impegno, per il tempo e le energie che hanno speso per fare quello che ritenevano giusto per Cislago – ha dichiarato il sindaco Calegari -. Da parte mia cercherò di non tradire le attese del voto dei cittadini e di recuperare l’interesse a partecipare alla vita politiche anche di chi non ha ritenuto di recarsi al voto nelle scorse elezioni; l’astensionismo è un dato generalizzato, purtroppo e non solo italiano, ma non per questo meno preoccupante per me, è dovere mio innanzitutto riappassionare al paese i nostri concittadini».

Il nuovo Consiglio comunale di Cislago

Spazio poi alle linee programmatiche, contenute nel programma elettorale presentato alla cittadinanza durante la campagna elettorale. Tre i macro obiettivi che la nuova amministrazione si pone: dalla costruzione di un paese per le persone, solidale e inclusivo, alla crescita del territorio nel campo della rigenerazione urbana, della cultura e del commercio e infine la costruzione di «un paese che sappia guardare al futuro, ordinato, pulito, moderno e connesso con le realtà che ci circondano – ha dichiarato Calegari – Fare un programma non è fare una lista della spesa, è avere una visione, è tracciare una rotta per far sì che dopo 5 anni chiunque succederà potrà preoccuparsi di dare continuità allo sviluppo del paese e non ricominciare da capo».

Supportare la scuola e i servizi educativi, coinvolgere i giovani nella vita del paese, sostenere le associazioni sportive di Cislago e l’attuazione di politiche sociali attente ai bisogni della persona sono alcuni dei temi sui quali si concentrerà l’azione della nuova amministrazione – come ha spiegato il sindaco Calegari -, insieme a cultura, sicurezza, lavoro, turismo, ambiente e la gestione del bilancio comunale con “conti in ordine, come farebbe un buon padre di famiglia”.

È stata poi data parola ai capogruppo dei tre gruppi di minoranza per le prime dichiarazioni: Luciano Lista di Uniamo Cislago ha sottolineato la bassa affluenza registrata durante le ultime elezioni comunali e quindi la necessità di riavvicinare i cittadini alla politica attraverso provvedimenti che siano presi nell’interessi di tutta la popolazione, Debora Pacchioni di Cislago in Comune nel suo discorso ha ripetuto più volte il concetto di coerenza, “una parola che rappresenta me e il mio gruppo” e, tra le altre cose, ha invitato l’amministrazione comunale ad attuare da subito politiche attive per la parità di genere.

Infine Gian Luigi Cartabia di Cartabia Sindaco ha ribadito la promessa di un’opposizione vigile e attenta e auspicato che la nuova Giunta rinunci agli emolumenti, “come adottata dal precedente Consiglio comunale”.

I COMMENTI DEI CONSIGLIERI DI MINORANZA:

Debora Pacchioni di Cislago in Comune: «Vogliamo essere partecipi pur dai banchi di minoranza. Non saremo un’opposizione ostruzionista. Fanno piacere alcuni concetti che sono stati espressi in merito alle famiglie, al sociale, all’ambiente, vedremmo se saranno messe in pratica e se ci sarà un vero coinvolgimento dei cittadini per riavvicinarli alle istituzioni».

Gian Luigi Cartabia di Cartabia Sindaco: «Sono contento che Marilisa Rimoldi sia in Consiglio comunale con me, perché durante la campagna elettorale si è dimostrata seria, attendibile e propositiva, quindi sicuramente lavoreremo bene. Non lasceremo scappare nulla a questa amministrazione, è questo il nostro modo di agire. Mi sembra una Giunta un po’ debole, il sindaco si è tenuto alcune deleghe che forse avrebbe potuto delegare a persone del suo gruppo che hanno quella prerogativa personale, per esempio i Lavori pubblici e l’Urbanistica».

Marisa Rimoldi di Cartabia Sindaco: «Porteremo avanti i valori di destra nei quali ci riconosciamo, speriamo che l’amministrazione tenga conto delle nostre proposte. Faremo un’opposizione molto vigile. Siamo un gruppo unito e non ci saranno cambi di casacca».

Luciano Lista di Uniamo Cislago: «È un Consiglio comunale che rappresenta circa la metà dei cislaghesi. È però paradossale che la maggioranza al governo rappresenta il 23 % degli elettori, mentre la minoranza rappresenta il 30% degli aventi diritto al voto, quindi la minoranza rappresenta una fetta più larga della popolazione rispetto alla maggioranza. È un Consiglio comunale che deve tentare in ogni modo andare oltre le differenze sociali, politiche e adottare provvedimenti che siano largamente condivisi, perché solo così possiamo unire il corpo elettorale e farlo partecipare alla vita amministrativa del paese. Il lavoro che ci aspetta è sicuramente un lavoro di condivisione e unione. Mi auguro che questo auspicio venga davvero tradotto in realtà con fatti concreti».

I RISULTATI DELLE ELEZIONI A CISLAGO NELLO SPECIALE DI VARESENEWS

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il nuovo Consiglio comunale di Cislago 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore