Quantcast

Vivaio Saronno, l’architetto Cino Zucchi: “Ex Isotta Fraschini luogo d’eccezione”

Sui profili social di Vivaio Saronno è comparsa una nuova intervista al professionista scelto dalla proprietà dell’area, acquistata da Giuseppe Gorla, per guidare il team che lavorerà alla progettazione del futuro della ex Isotta Fraschini

Generica 2020

Un nuovo appuntamento con l’architetto di fama mondiale Cino Zucchi per il progetto Vivaio Saronno, nato per raccogliere idee e rilanciare la riqualificazione dell’area dismessa ex Isotta Fraschini.

Sui profili social di Vivaio Saronno è comparsa una nuova intervista al professionista scelto dalla proprietà dell’area, acquistata da Giuseppe Gorla, per guidare il team che lavorerà alla progettazione del futuro della ex Isotta Fraschini.

All’ex Isotta Fraschini nasce “Vivaio Saronno”

Le grandi città, le metropoli, come la stessa Milano, hanno strutture complesse e scarsa vivibilità. Parlano di dinamismo, ma non dicono nulla di comunità. Sono – per dirlo con le parole di Cino Zucchi – luoghi interessanti ma anche delle mille solitudini.

Saronno ha due grandi risorse: da una parte, si trova in una posizione strategica di snodo sia ferroviario che autostradale; dall’altra, ha ancora la dimensione della piazza, a misura d’uomo e con un grande potenziale aggregativo.

Rilanciare Saronno nel futuro significa accogliere la sfida di renderla non solo un luogo di vivibilità, ma anche di memorabilità, integrando nei suoi spazi non solo il centro, ma anche gli ambienti più marginali, che ancora fatica ad includere, come il quartiere Matteotti.

A questo proposito, l’ex Isotta Fraschini si candida come luogo d’eccezione per ricucire gli spazi della città e offrire ponti con l’esterno, in un dialogo continuo con il mondo di oggi, conservando lo spirito del passato.

Guarda il video su YouTube:

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore