Quantcast

L’augurio dei sindaci del Saronnese per il 2022

Alle porte un nuovo anno, ecco cosa augurano ai propri concittadini i sindaci di Saronno, Caronno Pertusella, Uboldo, Origgio, Gerenzano e Cislago

Generica 2020

Si chiude un anno e se ne apre uno nuovo. Abbiamo chiesto ai primi cittadini di Saronno, Caronno Pertusella, Uboldo,  Origgio, Gerenzano e Cislago che cosa augurano per il 2022.

Augusto Airoldi, sindaco di Saronno

«L’augurio è quello di un anno migliore di quello che si sta concludendo. Migliore innanzitutto sul piano personale, famigliare e delle relazioni amicali. Migliore perché speriamo che, scienza e politica, mettano sotto controllo il Covid-19, migliore perché speriamo che la ripresa economica di cui vediamo i primi passi, prosegua e si consolidi nel rispetto, finalmente, del pianeta che ci ospita. Da parte nostra accelereremo nel nostro impegno per la realizzazione del programma amministrativo che i saronnesi hanno votato».

Marco Giudici, sindaco di Caronno Pertusella

«Il mio augurio per il 2022 è semplice: che il Coronavirus non incida nella nostra vita quotidiana, che ci faccia mantenere gli affetti e l’umanità che ci contraddistingue».

Luigi Clerici, sindaco di Uboldo

«Che ritorni una serenità nella comunità, che si ritorni alla normalità al più presto, che si possa riprendere una vita sociale con serenità, che tutto si risolva senza perdita di posti di lavoro perché il lavoro è soprattutto dignità. Colgo l’occasione per augurare a tutti un buon fine anno, e di avere fiducia nella scienza umana che ha la capacità di sconfiggere questo male inatteso, così che con l’anno possiamo recuperare la fiducia e la tranquillità».

Evasio Regnicoli, sindaco di Origgio

«La mia speranza è che gli ultimi giorni di quest’anno non si ripetano nel 2022; come tutti abbiamo avuto un forte incremento del numero dei positivi, soprattutto tra i giovani. Sono ottimista e l’augurio è che la situazione si sistemi il più velocemente possibile. Spero si possa tornare ad un po’ di normalità e di socialità, ne abbiamo goduta un po’ a dicembre con gli eventi legati al Natale ed è stato bellissimo».

Ivano Campi, sindaco di Gerenzano

«Auguro a tutti i gerenzanesi un anno dove speriamo di poter vedere la fine di questa pandemia. Un anno di salute per tutti, di lavoro, che è un altro tema importantissimo per la comunità. Per gli studenti auguro un anno proficuo di studio in presenza nelle scuole».

Stefano Calegari, sindaco di Cislago

«A seguito della pandemia ci si è accorti che ognuno ha bisogno dell’altro, che nessuno si salva da solo. Vorrei che si radichi sempre di più il senso di comunità e di appartenenza, superando qualsiasi tipo di individualismo. Vorrei che ciascuno guardasse il proprio orticello, ma dentro un disegno più grande. Questa è la modalità con cui insieme alla Giunta e al Consiglio vorrei guidare il nostro paese. Se avessi la bacchetta magica poi, vorrei ridurre a zero i tempi della burocrazia, questo sarebbe il più grande desiderio che ho personalmente».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore