Quantcast

Con la riduzione delle indennità la Giunta di Origgio supporta iniziative sociali e culturali

Lo scorso anno la Giunta Regnicoli ha deliberato una riduzione degli emolumenti per sindaco e assessori, destinata ad un fondo del bilancio per il finanziamento di spese straordinarie. Quest'anno i risparmi sono stati devoluti alla parrocchia e all'associazione Coro “Amici della Montagna”

Generica 2020

Per anni in Italia si è parlato di “lotta alla casta” e alle “poltrone”, ma contrariamente al pensiero comune quello dell’amministratore locale, soprattutto per i piccoli paesi, è un ruolo motivato non di certo dall’incentivo economico, ma in prim’ordine dalla passione e da uno spirito di servizio nei confronti della propria comunità. Un lavoro, tra l’altro, che richiede una notevole dose di impegno ed energia, di grande responsabilità e molto spesso senza orari, per il quale insomma non si timbra il cartellino.

Fatto ancora più evidente per i piccoli Comuni come quello di Origgio, di circa 7 mila abitanti. Qui gli amministratori locali hanno fatto un passaggio ulteriore: è infatti pari a 4.100 euro il risparmio annuale di fondi pubblici generato dalla volontaria riduzione delle indennità della Giunta comunale, che ogni anno andrà ad incrementare un fondo del bilancio comunale destinato al finanziamento di spese straordinarie.

La delibera di riduzione degli emolumenti era stata approvata dalla Giunta Regnicoli il 30 novembre 2020, a poche settimane dall’insediamento della nuova amministrazione comunale, in seguito alle elezioni del 21 e 22 settembre.

Un anno da sindaco di Origgio per Evasio Regnicoli: “Periodo intenso. Per il futuro tanti progetti”

È utile però fare un passo indietro per avere un quadro completo del provvedimento adottato. Le indennità degli amministratori locali sono oggi regolate da un decreto del Ministero dell’Interno risalente al 2000, il numero 119 del 4 aprile; nel 2006 vennero ridotte del 10% dalla legge finanziaria del 2006 (la legge 266/2005, art.1 comma 54). (Un ulteriore cambiamento ci sarà con la Legge di Bilancio 2022, in cui il Governo ha inserito un rialzo dell’indennità di funzione in base alla grandezza del Comune amministrato). 

In base alle normative l’indennità di funzione mensile lorda prevista dalle normative per i Comuni delle dimensioni di Origgio è di 2.509,98 mensile per il sindaco, per il vicesindaco il 50% di quanto previsto per il primo cittadino e invece il 45% per gli assessori.

Al 10% già previsto dalla normativa, la Giunta comunale di Origgio ha quindi deciso nel novembre 2020 un’ulteriore riduzione del 5%, istituendo un fondo del bilancio comunale per il finanziamento di spese con finalità sociali e culturali, dal sostegno per i danni dovuti a calamità naturali, al supporto di attività di carattere sociale o culturale destinate alla comunità origgese.

Per l’anno 2021 i risparmi generati sono stati destinati ad un’associazione del paese e alla parrocchia: 2.100 euro sono andati al Coro “Amici della Montagna” per l’organizzazione di una serata con l’alpinista Marco Confortola, che si è tenuta lo scorso 5 novembre al Cineteatro San Giuseppe e 2 mila euro alla Parrocchia “Santa Maria Immacolata” del paese per le attività sociali ed educative a favore dei più giovani svolte durante la pandemia.

«È un’idea che avevamo già quando preparammo il programma amministrativo, con una riduzione delle indennità che coinvolgesse me e anche i miei assessori – commenta il sindaco Evasio Regnicoli -. L’idea nasce dal fatto che contrariamente a quello che si pensa, ai nostri livelli la funzione di amministratore pubblico è legata ad un discorso di servizio civile. Crediamo che parte dell’importo indicato dalla legge nazionale possa essere utilizzato per supportare attività sociali meritorie, è quindi un’iniziativa di solidarietà legata al paese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore