Quantcast

Saronno al Centro accoglie il Popolo della Famiglia

Novità per il gruppo civico di Paolo Strano e Dario Lonardoni: nel logo ci sarà spazio anche per lo schieramento di Mario Adinolfi. Accordo fatto "sulla base di valori condivisi, la famiglia su tutti"

Elezioni Saronno 2020

Saronno al Centro accoglie il Popolo della Famiglia. Accordo fatto in vista delle prossime elezioni comunali del 20 e 21 settembre, con tanto di logo del partito di Mario Adinolfi che compare insieme a quello di Sac, rappresentato in giunta a Saronno dagli assessori Paolo Strano e Dario Lonardoni.

Con i due elementi di spicco di Saronno al Centro c’erano anche Andrea Brenna, vice sindaco di Grandate ed esponente regionale del Popolo della Famiglia e Diego Riva, già in lista con Saronno al Centro 5 anni fa.

«Il direttivo di Saronno al Centro ha accolto con favore l’ingresso del Popolo della Famiglia – hanno detto Strano e Lonardoni -. Volevamo caratterizzarci con valori fondanti come la famiglia, che già compare nel nostro logo, partendo dal benessere e dalla serenità dei nuclei famigliari. Se partiamo da lì, migliora tutta la società, ne siamo convinti. Idem per la scuola, per cui l’amministrazione deve avere un ruolo chiave». Strano non ha escluso nuovi accordi con altre compagini se fondati su principi e valori Comuni e ha spiegato che la lista sarà composta per la maggior parte da esponenti di Saronno al Centro già facenti parte del gruppo civico, più 3/4 elementi del Popolo della Famiglia che andranno a rimpolpare la compagine al fianco di Alessandro Fagioli come candidato sindaco.

«I nostri valori sono comuni, famiglia, lavoro, giustizia e solidarietà, la vicinanza arriva da lontano: i valori c’erano già 5 anni fa, nel programma elaborato dal compianto Enzo Volontè. Le quattro parole sono contenute nel simbolo, un segno importante. Il Popolo della Famiglia è presente a Saronno da tempo, anche con corsi di formazione e iniziative culturali. Ringrazio Saronno al Centro, oggi il nostro rapporto che ha valori condivisi viene sancito da questo accordo in vista delle prossime elezioni. Diamo un messaggio di serenità e alternativa seria», ha detto Brenna.

«Io sono in Saronno al Centro per la comunanza dei valori con Enzo Volontè, fondatore della lista civica – spiega Riva -. Ho lavorato a Casa di Marta, sua creazione, un simbolo di solidarietà e accoglienza non solo per Saronno, ma per tutto il territorio, una realtà eccellente. Amministrare non è solo solidarietà, ma abbiamo il compito e il dovere di far crescere la città, con attenzione ai negozi di vicinato: l’aver concesso ai locali la possibilità di avere i dehors e i tavoli all’aperto ha cambiato il volto della città».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore