Quantcast

L’ospedale di Tradate supera quota 600 nati

Il Primario Ghezzi: "In un periodo di calo delle nascite, è una conferma forte della capacità attrattiva, frutto di un lavoro che non si improvvisa". Il DG Bonelli: " Nemmeno la pandemia ha intaccato la qualità del lavoro dei nostri professionisti"

ostetrica

L’ultimo vagito del 2021 è stato all’Ospedale di Tradate, alle 23.14 del 31 dicembre. Un anno che si chiude con un bilancio positivo per il punto nascite proprio per il fatto che molte madri hanno scelto quell’ospedale per mettere al mondo il proprio figlio.

“Sono tre anni consecutivi che il punto nascita dell’Ospedale di Tradate va crescendo – commenta con un sorriso che esprime tutta la sua soddisfazione il professor Fabio Ghezzi, Direttore dell’Ostetricia e Ginecologia e della Rete Integrata Materno-Infantile dell’ASST Sette Laghi – Quest’anno abbiamo raggiunto un risultato che è davvero un grande traguardo. Sono orgoglioso della mia squadra e del loro lavoro!”.
607 i nati registrati nel 2021 all’Ospedale di Tradate in un contesto generale di deciso calo della natalità: “Le nascite in Italia sono in continuo calo – continua Ghezzi – ma Tradate, come gli altri punti nascita della nostra Azienda, sono in crescita. E’ una conferma forte della loro capacità attrattiva, frutto di un lavoro che non si improvvisa ma che si costruisce nel tempo, con l’impegno quotidiano che ha consolidato una squadra vincente sotto tutti i profili: medici, infermieri, OSS, ma anche il resto dell’Azienda. Tradate può infatti contare anche su un punto nascita nuovo, completamente ristrutturato solo due anni fa e davvero accogliente”.
I punti di forza di Tradate sono molti: un’équipe competente e affiatata, l’integrazione strettissima con l’Hub materno-infantile dell’Ospedale Del Ponte, dati di attività che crescono non solo in quantità, ma anche in qualità, con la conferma per il terzo anno consecutivo come centro con il minor numero di tagli cesarei (7% a Tradate) in tutta la Lombardia (media al 22%)”
“Ringrazio il professor Ghezzi e i suoi collaboratori – conclude il Direttore Generale di ASST Sette Laghi, Gianni Bonelli – nemmeno la pandemia ha intaccato la qualità del loro lavoro: si sono impegnati il doppio, il triplo, per mantenere allo stesso livello di eccellenza il servizio alle coppie che hanno scelto Tradate per vivere il momento più importante della loro vita”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore