Quantcast

La convenzione sulla Polizia locale fra Uboldo e Origgio non verrà rinnovata

L'ultimo incontro tra le due amministrazioni comunali si è tenuto martedì 26 ottobre. Il Comune di Uboldo è in trattativa per convenzionare il servizio con un altro ente comunale

origgio generico

Dopo mesi di discussioni è arrivato il verdetto finale: la convenzione in essere fra i Comuni di Uboldo e Origgio per lo svolgimento associato del servizio di Polizia locale non verrà rinnovata.

È questo l’esito dell’ultimo incontro fra le due amministrazioni comunali, avvenuto martedì 26 ottobre. L’accordo, siglato nel 2017 dal Comune di Uboldo, guidato da Lorenzo Guzzetti e di Origgio, guidato da Mario Ceriani, scadrà il 31 maggio 2022.

Un divorzio che sembra essere ormai inevitabile. Per il Comune di Origgio infatti, la convenzione è inefficiente dal punto di vista organizzativo ed economico: le spese non sono ugualmente ripartite e la tipologia dei servizi di polizia svolta nei due paesi è diversa. C’è poi la necessità di avere gli agenti di Polizia locale più presenti sul territorio: «Pur avendo degli aspetti positivi, la convenzione strutturata in questa maniera è inefficace, dall’altra parte chiedere una copertura finanziaria più alta ad Uboldo non mi sembra corretto – dichiara il sindaco di Origgio Evasio Regnicoli -. I cittadini chiedono soprattutto una maggiore presenza delle forze di Polizia locale, quindi pur mantenendo dei buoni rapporti con il Comune di Uboldo, è meglio trovare un’altra soluzione. Rimarrà sempre la possibilità di collaborare su alcuni aspetti, ma con due corpi di Polizia locale differenziati».

Una delle proposte sul tavolo in queste settimane era quella di tenere due corpi di Polizia locale autonomi e convenzionare solo la funzione del comandante del servizio, figura che attualmente è in capo al Comune di Origgio: «La proposta alla fine è stata scartata, perché con il numero di agenti che abbiamo non sarebbe una soluzione sostenibile dal punto di vista organizzativo» commenta l’assessore del Comune di Uboldo Matteo Croci, che fra le sue deleghe ha quella alla sicurezza. «Penso che sia una questione più che altro politica e che Origgio avesse già deciso di non rinnovare l’accordo – continua l’assessore Croci -. Non voglio fare nessuna polemica, ogni amministrazione comunale ha il diritto di fare le proprie valutazioni e decidere in base alle proprie esigenze».

Allo scadere della convenzione quindi, il Comune di Origgio andrà avanti con un servizio di Polizia locale autonomo, formato da un comandante e tre agenti, al quale l’amministrazione comunale ha intenzione di aggiungere una figura amministrativa.

Il Comune di Uboldo è invece al momento al lavoro per individuare una soluzione con altri Comuni del circondario. Tra le ipotesi sul tavolo c’è la possibilità di stringere un accordo con un altro ente comunale solo per la figura del comandante: «Noi non abbiamo la possibilità economica di assumere un comandante al 100%, quindi al momento stiamo valutando tutte le opportunità, però sono ancora in fase embrionale – conclude Croci -. Certamente ci siamo attivati per dare ai nostri cittadini il miglio servizio possibile».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore