Quantcast

Campetto di basket di Garbagnate Milanese tutto nuovo nel nome di Alessio “Koeman” Allegri

L’inaugurazione del nuovo campetto, con taglio ufficiale del nastro, è stata affidata al migliore dei cerimonieri, il piccolo Liam, il figlio di Alessio e Claudia, nato 12 giorni dopo quel dannato 16 dicembre

Generica 2020

Un campetto tutto nuovo per poter ripercorre le orme e ricordare Alessio “Koeman” Allegri. Nel nome e in memoria del 37enne scomparso mentre giocava a basket nel dicembre 2019 è stata presentata la riqualificazione dello spazio all’interno dell’Oratorio San Luigi di Garbagnate Milanese.

Sabato 25 settembre è stata l’occasione per presentare l’associazione Alessio Koeman Allegri, che in collaborazione con StreetArtBall Project, ha realizzato i lavori.

Presenti l’amministrazione comunale, il parroco di Garbagnate Milanese e il direttivo dell’associazione, composto dalla moglie di Alessio, Claudia, presidente, e tre tra i suoi più cari amici: Diego Chiodaroli (vicepresidente), Maurizio Musarra e Christian Catalano (consiglieri) che hanno raccontato i motivi che li hanno spinti a creare questa realtà, le difficoltà iniziali connesse alla pandemia, la necessità di colmare un vuoto e rispondere a una tragedia con determinazione e voglia di vivere, come avrebbe voluto Alessio. A completare il consiglio direttivo ci sono il papà e la mamma di Alessio, Fabrizio e Valeria, e il fratello Matteo. 

L’associazione Alessio Koeman Allegri è nata per aiutare la ricerca sulle patologie cardiache di origine genetica e sostenere iniziative ludico ricreative in ambito sportivo e scolastico, promuovendo interventi di utilità sociale. I sogni e il sorriso di Alessio si sono spenti, a soli 37 anni, nel 2019, in una tranquilla e spensierata domenica di dicembre durante una partita di basket. Come spiegato dall’intervento del Dottor Carlo Napolitano dell’istituto IRCCS Maugeri di Pavia, a stroncare la vita di Alessio è stata una cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro, una patologia che non gli era mai stata diagnostica prima e che risulta essere tra le principali cause di morte improvvisa nei giovani atleti.

Generica 2020

La storia dello sport racconta come spesso le visite medico sportive di routine, effettuate durante la carriera agonistica, non siano sufficienti per diagnosticare con precisione questo tipo di patologie, che necessitano di esami più puntuali e specifici per essere individuate in tempo. L’Associazione Alessio Koeman Allegri ha come primo obiettivo il sostegno della ricerca sulle malattie cardiache di origine genetica, allo scopo di favorire una diagnosi accurata e il più possibile tempestiva.

«Continuare a trasmettere la passione per il gioco ai ragazzi, stimolarli e valorizzare il concetto di Squadra, condividendo valori, problemi, punti di forza e di debolezza per sviluppare una comunione d’intenti che faccia prevalere la Squadra sull’Io». A pochi mesi dalla sua scomparsa Alessio raccontava con queste parole i suoi progetti per il futuro e da qui l’Associazione che porta il suo nome ha deciso di partire.

Il secondo obiettivo dell’Associazione Alessio Koeman Allegri è contribuire a trasmettere ai giovani l’importanza dell’impegno, del sacrificio, della disciplina e del gioco di squadra, avvicinando e appassionando i ragazzi allo sport, fin dalla giovane età. Questi valori hanno ispirato il primo progetto dell’Associazione: la riqualificazione del campetto dell’Oratorio San Luigi di Garbagnate. Il campetto dell’Oratorio è un luogo dove Alessio ha trascorso momenti importanti della sua vita, facendo ciò che più lo rendeva felice: giocare a basket e allenare bambini e ragazzi.

«Abbiamo pensato spesso a quale potesse essere il primo progetto della nostra Associazione e alla fine è stato naturale scegliere un’iniziativa dedicata alla comunità di Garbagnate. Il basket per noi è qualcosa di più di un semplice sport, è una passione che ci ha fatto crescere e insegnato ad affrontare le sfide della vita. Su questo campetto sono nate amicizie sincere, legami indissolubili, come quello che ci univa ad Alessio; vogliamo che i bambini e i ragazzi di Garbagnate, dopo quasi due anni di distanze e mancanze, possano tornare a giocare, divertirsi e stare insieme, in un luogo concepito per loro, simbolo di positività e rinascita». Con queste parole Christian Catalano, consigliere, ha raccontato l’intervento di rigenerazione promosso in collaborazione con i ragazzi di StreetArtBall (SAB) Project. SAB Project nasce a Bergamo, zona tra le più colpite dalla pandemia Covid 19, nella primavera del 2021, come simbolo di ripartenza attraverso l’arte e lo sport. Nella città di Bergamo e provincia, gli artisti di SAB Project hanno realizzato 5 creazioni, ognuna con un significato, un messaggio, una storia dipinta sulla superficie di altrettanti campi da basket all’aperto. Il sesto campo porta il nome di Alessio Allegri.

Generica 2020

«Quando Claudia ci ha contattato per realizzare questo suo sogno ci siamo sentiti responsabilizzati – racconta Andrea Savi, uno dei ragazzi che porta avanti SAB Project -. Conoscevamo la vicenda di Alessio e ci era rimasta nel cuore. Non ci abbiamo pensato un secondo, quest’opera doveva essere fatta in qualsiasi modo. Grazie allo splendido intervento di Ale Senso siamo orgogliosi di aver reso felici tutte le persone che hanno vissuto Alessio e che ieri erano presenti all’inaugurazione. Sono grandi soddisfazioni che ci spingono a portare avanti il nostro progetto, che vuole trasmettere emozioni attraverso l’unione di street art, sport e persone. Non potremo mai ringraziare abbastanza Claudia e l’Associazione per questa opportunità che porteremo sempre nel cuore».

Questo campo vuole essere un dono alla comunità promosso dall’Associazione Alessio Koeman Allegri e reso possibile grazie al sostegno della Parrocchia, dell’OSL Basket e dell’azienda Resistor Srl di Senago. «Koeman è l’OSL Basket, e l’OSL Basket Koeman – spiega Enzo Marrapodi, presidente della OSL Basket, conosciuto da tutti come il Prez – qualcosa che va oltre il ruolo di Capitano: un simbolo, una bandiera, un modello, un punto di riferimento, un vanto, un eroe, uno scudo e ora un motivo di responsabilità. È stato per noi quindi naturale, inevitabile, essere al fianco dell’Associazione Alessio Koeman Allegri, in un progetto che a lui sarebbe piaciuto molto: perché non solo è esteticamente bello e “abbinato”, ma è anche pensato per far innamorare ancora tanti bimbi (e non!) del suo Basket! Era semplicemente impossibile non aderire: noi l’abbiamo fatto con quella leggerezza, quella purezza, quell’entusiasmo che lui ci ha insegnato e trasmesso».

La palestra di Garbagnate Milanese si chiamerà Alessio Allegri “Koeman 6”

Il campo è un’esplosione di colore e voglia di vivere; la passione, l’entusiasmo e il sorriso di Alessio sono racchiusi nella luce che questa “tela” trasmette in chiunque la guardi.

L’inaugurazione del nuovo campetto, con taglio ufficiale del nastro, è stata affidata al migliore dei cerimonieri, il piccolo Liam, il figlio di Alessio e Claudia, nato 12 giorni dopo quel dannato 16 dicembre. I festeggiamenti sono continuati con l’invasione di campo dei bambini e ragazzi sul campo a loro dedicato e con i giochi organizzati dai coach OSL Basket.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore