Quantcast

Regione Lombardia dice che farà lavorare di più Aria

Lo dice la stessa società partecipata da Palazzo Lombardia, dopo il report della Corte dei Conti

Regione Lombardia

“Si conviene con la Corte dei Conti che dovrà essere incrementato il numero di procedure centralizzate svolte dalla società Aria sia per le tecnologie sanitarie che nella definizione di accordi Quadro per i servizi di ingegneria e per lavori, nella consapevolezza che tali operazioni potranno aumentare l’efficacia delle procedure e ridurre i tempi di progettazione ed individuazione degli appaltatori”.

Dopo la presentazione del rapporto della Corte dei Conti sull’operatività di Aria, la società partecipata di Regione Lombardia risponde.
“La società Aria rileva che i risultati conseguiti dalla Centrale Acquisti regionale sono assolutamente allineati al dato nazionale” esordisce la comunicazione di Aria.

Ma al di là di questo, la nota chiarisce che Regione Lombardia sta cercando di ampliare le procedure d’acquisto centralizzata: il report infatti sottolineava non solo aspetti problematici di Aria, ma anche il limitato ricorso da parte degli enti sanitari di Regione Lombardia alla stessa Aria.

L’Amministrazione regionale lombarda – prosegue la Nota – aveva comunque già deciso di rafforzare l’ambito programmatorio e di studiare le modalità di rafforzamento della committenza”

“Inoltre – si legge nella Nota – è stata avviata tra Regione Lombardia e ARIA, una specifica ricognizione puntuale del patrimonio sanitario strumentale per indirizzare gli investimenti con maggiore accuratezza. Infine, con la DGR XI/4508 del 1° aprile 2021 ‘Determinazioni in ordine agli indirizzi di programmazione per l’anno 2021’, la Giunta Regionale ha già adottato le linee di indirizzo che guideranno le attività per il 2021. In materia di Acquisti ha già individuato come priorità l’implementazione in maniera incrementale delle forme di aggregazione fornendo cogenti indicazioni verso la centralizzazione degli acquisti e lasciando, in via residuale, le possibilità di acquisto in autonomia stabilendo il tetto di spesa di € 200.000,00″.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore