Quantcast

Castelli e Veronesi (Lega): “Ex Parma: un’opportunità per la città”

L’ex assessore all’Urbanistica Lucia Castelli e l’ex capogruppo in consiglio comunale Angelo Veronesi anticipano la discussione dell’assemblea cittadina ed espongono le proprie tesi in merito al progetto, adottato lo scorso luglio

Generica 2020

Il consiglio comunale di Saronno si appresta a discutere dell’approvazione del piano attuativo sull’area ex Parma, non senza polemiche ed alcune perplessità da parte di diversi consiglieri comunali di maggioranza e minoranza.

L’ex assessore all’Urbanistica Lucia Castelli e l’ex capogruppo in consiglio comunale Angelo Veronesi anticipano la discussione dell’assemblea cittadina ed espongono le proprie tesi in merito al progetto, adottato lo scorso luglio.

Saronno, al posto della ex Parma due palazzi e un supermercato

«La riqualificazione dell’area dismessa ex‐Parma garantirà un parco pubblico liberamente accessibile, area cani prima della posa del primo mattone, più verde – dice Angelo Veronesi, vicesegretario cittadino -. Inoltre, vantaggiosamente per il Comune, il proprietario del terreno cede il 50% della superficie mantenendo la possibilità di edificare in verticale. Il grande parco pubblico che sorgerà vicino all’EXBO potrà essere recintato e affidato alla cura della Saronno Servizi che già gestisce l’EXBO alla stessa maniera di come avvenuto per il parco pubblico affidato al gestore della Club House. In questa maniera – continua Veronesi- il parco pubblico potrà essere curato e protetto dai vandali, i giochi rimarranno puliti ed in ordine a spese del gestore privato. Verranno piantate il doppio delle piante oggi presenti incrementando il volume di verde esistente. Speriamo che la gestione del parco pubblico venga seguita anche dall’amministrazione Airoldi, visto che è una proposta di buon senso che permetterà al parco di rimanere pubblico ma a spese del gestore privato. Si aggiunga che la passata amministrazione si era accordata affinché l’area cani fosse spostata prima della posa del primo mattone. Speriamo che anche in questo caso l’amministrazione Airoldi abbia seguito il nostro suggerimento evitando che il quartiere rimanga senza area cani per troppo tempo».

«Come previsto dal PGT ‐ continua Lucia Castelli ex assessore all’urbanistica ‐ verranno realizzati due edifici dedicati interamente alla funzione residenziale ed un medio/piccolo comparto commerciale a servizio della zona circostante come molti degli stessi cittadini, che hanno firmato la petizione, avevano chiesto più volte lamentando la mancanza di negozi nel quartiere. Le funzioni residenziale e commerciale saranno separate da una nuova strada di collegamento via Monte Grappa‐via Piave. Saranno incrementati anche i parcheggi sulla via Monte Grappa ma anche e soprattutto sulla via Piave: in particolare proprio questi ultimi, a cui si aggiungeranno quelli lungo la nuova strada che sorgerà, aumenteranno notevolmente i posti auto che saranno a disposizione dei fruitori del PalaExbo e dei servizi sportivi qui esistenti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore