Quantcast

A Tradate una serata marziana con la missione del rover Perseverance

Lunedì 22  febbraio con inizio alle 21 una conferenza online del presidente del Gat sull'emozionante missione alla scoperta di nuove informazioni sul Pianeta rosso

Generica 2020

Ieri, giovedì scorso 18 febbraio, alle 21.43 ora italiana, il rover Perseverance ha toccato felicemente la superficie di Marte, all’interno del cratere Jezero, largo 45 km.

A causa della distanza Terra-Marte, i segnali radio che confermavano che la complicatissima discesa era andata bene,  sono arrivati  ai computer del JPL di Pasadena solo 12 minuti dopo, ossia alle 21.55 ora italiana.  Sarà questo il tema principale  della attesissima conferenza che il Gat – Gruppo astronomico tradatese ha programmato online per lunedì 22  febbraio con inizio alle 21. Per seguirla basta collegarsi al sito del Gat, con accesso libero a questo link.

Il dottor Cesare Guaita, presidente del Gat e grande esperto del Pianeta rosso, interverrà sul tema “Alla ricerca degli ultimi misteri di Marte”. Oltre che di Perseverance, Guaita parlerà anche del suo fratello “minore” Curiosity, che  ha realizzato di recente sensazionali scoperte all’interno del cratere Gale, dove discese nel 2012.

Tornando a Perseverance, il cratere Jezero dove è disceso giovedì sera era in passato un antico lago: lo dimostra un evidente delta fluviale in entrata, ricco di rocce carbonatiche, sito ideale  per la proliferazione di batteri. In sostanza, se ci fu vita su Marte, questo è davvero il sito ideale  per cercarla. E Perseverance lo farà  con una dotazione assolutamente esclusiva di strumenti.

C’è la telecamera Mastcam-Z, una telecamera avanzata che consente di ottenere immagini panoramiche e stereoscopiche (che riproducono la profondità) con la possibilità di zoomare. Poi c’è SuperCam, uno strumento di produzione di immagini che permette di analizzare la composizione chimica e studiare la mineralogia anche a distanza.

Pixl (Planetary Instrument for X-ray Lithochemistry), è invece un apparato che contiene uno spettrometro a raggi X e che mapperà con elevata risoluzione la composizione chimica della superficie di Marte, con un dettaglio finora mai raggiunto. Soprattutto c’è Sherlock (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics and Chemicals) uno strumento formidabile, mai mandato prima nello spazio,  in grado, con un raggio laser ultravioletto, di individuare nel terreno ogni traccia di materiale organico e, addirittura, con la allegata camera-microscopio Watson,  tracce fossili di antichi batteri.

Questo perché  il compito  fondamentale di Perseverance è quello di  prelevare una trentina di campioni biologicamente significativi, che poi una successiva doppia missione ESA-NASA, dovrà riportare a Terra. Il ritorno a Terra dei campioni del suolo del cratere Jezero avverrà  entro la fine di questo decennio e  probabilmente sarà effettuata da un altro piccolo rover carrello che ripercorrerà la strada di Perseverance. Il contenitore dei campioni sarà poi messo in orbita attorno a Marte e un’altra sonda andrà a prenderli per riportarli a Terra.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore