Quantcast

1600 firme raccolte per l’ospedale di Saronno. Ciceroni: “Su questo tema i politici lavorino insieme”

Nota di Novella Ciceroni, candidata sindaco con la lista civica Obiettivo Saronno, in merito alla campagna di raccolta firme a sostegno dell’ospedale della città avviata lo scorso 14 luglio 

Novella Ciceroni

Nota di Novella Ciceroni, candidata sindaco con la lista civica Obiettivo Saronno, in merito alla campagna di raccolta firme a sostegno dell’ospedale della città avviata lo scorso 14 luglio 

Ciao, oggi voglio parlarvi della petizione per salvaguardare il futuro dell’ospedale della nostra città, promossa e organizzata da Obiettivo Saronno.

L’idea della raccolta firme per l’ospedale è nata subito dopo il 4 Maggio (fase 2 Covid-19) da una richiesta di aiuto ricevuta dalle ostetriche dell’ospedale trasferite a Busto Arsizio durante l’emergenza e, ad oggi, non ancora rientrate a Saronno.

Questa petizione è nata da un esigenza concreta e dall’ascolto di cittadini in difficoltà e non a tavolino come strategia politica per la nostra campagna elettorale, come invece dichiarano i nostri avversari che hanno sicuramente più esperienza di noi nell’agire con queste modalità. Siamo consapevoli che le decisioni finali sul destino dell’ospedale sono di competenza della Regione Lombardia, tuttavia ci è stato chiesto di occuparcene come cittadini impegnati a fare del bene per la città: Obiettivo Saronno ha accolto la richiesta e la sta portando avanti con dedizione e impegno.

Lo scopo di questa importante iniziativa, unica nella storia cittadina recente e forse anche passata, è far sentire con forza la nostra voce e la petizione è uno strumento giuridico  valido per  portare una richiesta alle istituzioni competenti in materia.

A Ottobre il nuovo Sindaco di Saronno, forte delle firme raccolte che riceverà personalmente da noi, potrà consegnare le istanze dei cittadini saronnesi e non saronnesi, in Regione Lombardia, dove risiede la stanza del comando.

Siamo venuti a conoscenza che un’altra forza politica, che corre per le amministrative, ha lanciato, pochi giorni fa, una seconda petizione con il sostegno del Comitato per l’ospedale che, pur esistendo da anni,  non si è mai fatto promotore di una iniziativa di questo tipo. Ci chiediamo: proprio adesso che è già attiva da settimane la stessa iniziativa? Troviamo questa mossa inefficace e soprattutto fonte di confusione per i cittadini. Nemmeno su un tema come la salvaguardia della salute, così importante e sopra le parti, la “politica” locale riesce a fare fronte comune?

È una vergogna, come pure è vergognoso che le forze politiche cittadine non aderiscano alla petizione e ribadisco, senza alterigia, “vergognoso”. I candidati Sindaco e i candidati consiglieri non stanno facendo una “bella figura” agli occhi dei cittadini perché danno prova di preferire essere contro l’iniziativa dell’avversario piuttosto che essere a favore della salvaguardia del bene dei cittadini. Adesso i candidati sono semplici cittadini, per questo l’invito è di fare quello che possono fare come tutti: firmare la petizione. Chi diventerà sindaco avrà poi l’onere e l’onore di farsi portavoce. Io mi sarei comportata in questo modo.

Invito perciò nuovamente tutti i candidati sindaco per Saronno e i candidati consiglieri, tutte le forze politiche e tutti i Sindaci dei Comuni limitrofi a firmare la petizione per salvare l’ospedale.

I cittadini hanno capito la bontà e il valore dell’iniziativa e stanno aderendo con entusiasmo e speranza. Anche molte attività commerciali si sono messe a disposizione per raccogliere le firme: fra tutti i fogli firma consegnati in città  ad oggi abbiamo raccolto circa 1600 firme.

Confidiamo con il rientro a settembre di continuare a pieno ritmo la raccolta.

Con la salute non si scherza, vieni a firmare anche tu! Ti aspetto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore