Quantcast

L’assessore della discordia. Scontro a Cislago tra Fratelli d’Italia e Forza Italia

Nuovi equilibri politici all'interno del consiglio comunale di Cislago e scontro tra il neo gruppo consiliare di Fratelli d'Italia e Forza Italia

Cislago generico

La formazione del nuovo gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ha certamente cambiato gli equilibri politici all’interno del consiglio comunale di Cislago.

Il gruppo di maggioranza guidato dal sindaco Gian Luigi Cartabia è stato fortemente indebolito dalle dimissioni degli ultimi mesi (una consigliera, un assessore e un vicesindaco / assessore): può però contare da giugno sull’appoggio esterno di Fratelli d’Italia, gruppo consigliare che a Cislago è stato ufficializzato lo scorso 13 giugno ed è composto da Luciano Lista (capogruppo di Fratelli d’Italia, eletto nel 2016 nella lista “Cartabia Sindaco”. A febbraio del 2017 formò insieme Fagioli, Broli e Melis un gruppo consiliare autonomo, il gruppo misto. Ad agosto dello stesso anno si dimise dalla carica di vicesindaco per contrasti con la maggioranza e di lì a qualche mese si alleò con il consigliere Giorgio Pagani, formando il nuovo gruppo consiliare “Un’idea per Cislago”), Cristiano Fagioli (eletto nel 2016 nella lista elettorale “Cartabia Sindaco”. Nel febbraio 2017 insieme ai consiglieri Lista, Broli e Melis formò il gruppo misto) e Elisa Bianco (eletta nella lista “Cartabia Sindaco” nel 2016, entrata in consiglio comunale lo scorso 2 maggio prima con Un’idea per Cislago poi spostatasi a Fratelli d’Italia).

Durante l’ultimo consiglio comunale, tenutosi nella serata di mercoledì 29 luglio, il consigliere di Fratelli d’Italia Luciano Lista ha sottolineato l’assenza in consiglio dell’assessore di Forza Italia con delega al Bilancio e ai Tributi Fabio Paticella, assente per motivi personali, che è stato definito da Lista come “ospite”.

Di tutta risposta Forza Italia ha ribadito il proprio sostegno a Paticella, che nel 2017 entrò in giunta a Cislago per sostituire il dimissionario Luciano Lista, e ha invitato il sindaco Gian Luigi Cartabia a prendere una posizione nei confronti delle dichiarazioni di Lista: «Non accettiamo lezioni di moralità e di buona amministrazione da Luciano Lista e difendiamo il buon lavoro svolto dal nostro assessore Fabio Paticella dal 2017 ad oggi. Respingiamo con forza al mittente provocazioni lanciate a mezzo stampa da chi cerca ed ha ha già cercato in passato con cambiamenti di schieramento e di partito di destabilizzare l’azione amministrativa e il buon nome  del nostro assessore Paticella in primis e dell’intera giunta cislaghese. Non ci prestiamo a giochi di palazzo ne ora né mai ed anzi chiediamo con forza anche una presa di posizione netta del sindaco Cartabia nel merito di queste ultime speculazioni politiche e personali verso Fabio. Il nostro obiettivo è di restare fedeli all’alleanza che dal 2016 sta governando la città ma pretendiamo da tutti chiarezza e prese di posizione correnti e non ricattatorie o denigratorie verso nessuno».

Non si è fatta attendere la risposta di Fratelli d’Italia, che ha dichiarato: «Il sole d’agosto deve essere davvero intollerabile per chi vaneggia senza motivo e senza aver mai subito attacchi denigratori o pseudo lezioni di moralità. La Giunta cislaghese è gestita dal sindaco Cartabia. È di tutta evidenza che la Laga di Cislago ha 4 consiglieri comunali ed esprime in giunta, sindaco, vicesindaco e un assessore, mentre Forza Italia ha un assessore senza consiglieri comunali. Ed è altrettanto evidente e risaputo che FDI ha tre consiglieri comunali e ha deciso di non entrare in Giunta per le ragioni ampiamente e continuamente dichiarate. Ragion per cui FDI non ha nulla a che fare con la Giunta e tantomeno con Paticella, che Cartabia nomini anche l’ultimo assessore e amministri al meglio il patrimonio dei cislaghesi interpretando davvero i bisogni primari. Anziché utilizzare il tempo per inventare attacchi e presunte lezioni di moralità, pur di crearsi l’opportunità di accampare difese generiche e del tutto strumentali, consiglio agli amici di FI, di utilizzare questo tempo per risolvere i problemi dei cislaghesi, facendo capire a tutti la visione sul medio e sul lungo periodo che hanno del paese, anche se comprendo le imponenti difficoltà che avrebbero nel farlo, non avendo neanche una sezione di partito in paese, pur avendo un assessore dal 2017, che purtroppo per loro, non è stato votato, nè scelto dai cislaghesi e che vive e lavora Saronno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore