Quantcast

Ambiente Saronno Onlus: “Riqualificazione dell’area Ex Parma. Noi diciamo Basta!”

Ambiente Saronno Onlus ha lanciato una petizione per dire no al progetto approvato dal consiglio comunale di Saronno che coinvolge l’area ex Parma, storica azienda che produceva casseforti fin dal 1901

Generico 2018

Ambiente Saronno Onlus: “Riqualificazione dell’area Ex Parma. Noi diciamo Basta!”

Ambiente Saronno Onlus ha lanciato una petizione per dire no al progetto approvato dal consiglio comunale di Saronno che coinvolge l’area ex Parma, storica azienda che produceva casseforti fin dal 1901

Noi diciamo Basta!

Ambiente Saronno, circolo Legambiente, intende esprimersi con fermezza sull’operazione di riqualificazione dell’area Ex Parma approvata dal Consiglio Comunale saronnese del 9 luglio 2020. Ci sentiamo in dovere di intervenire con questo comunicato per informare i cittadini che tale operazione non si limita a una riqualificazione dell’area privata, ma andrà a eliminare totalmente l’area verde pubblica del quartiere Regina Pacis. Quest’opera andrà a pesare enormemente sull’esperienza dei residenti del quartiere e, non ultimo, sul loro benessere. Il territorio saronnese è già ampiamente provato da altri interventi, ugualmente noncuranti della salvaguardia del verde presente nel nostro comune. Un esempio su tutti è la drastica riduzione del parco di Via Biffi a favore di attività commerciali, che ha tolto area verde utilizzata da sempre dai bambini della scuola Pizzigoni.

Ora anche l’ultima area verde del quartiere sarà eliminata.

Da quel che sappiamo, 22 alberi già ben insediati all’interno di un’area verde, di indubbio valore ecologico/ambientale, verranno tagliati. Viene dichiarata a compensazione la piantumazione di 58 essenze non ben identificate. Sottolineiamo che il beneficio fornito dagli alberi oggi presenti non sarà affatto compensato dalle nuove piantumazioni in quanto la piantumazione di nuove essenze, che acquisteranno una certa valenza ecologico/ambientale tra almeno 20 anni, è dettata dalla previsione edificatoria massiccia nell’area dismessa Ex Parma, comprendente 24000 mc di area adibita ad uso residenziale e 2080 mq ad uso commerciale.

Sottolineiamo, inoltre, che l’area verde non verrà ricreata e sull’area che verrà destinata a “verde”, ora una distesa di cemento, è prevista la costruzione di nuovi impianti sportivi. Anche in questo caso non possiamo che denunciare l’insensatezza di tale scelta, dato che nelle vicinanze (circa 1 km) sono già in essere adeguate strutture sportive.

L’abbattimento degli alberi e la cancellazione del parco resta, agli occhi di tutti, un vero e proprio scempio ecologico e culturale in una Saronno già densamente popolata e cementificata per oltre il 70%.

Noi diciamo Basta! all’ennesimo taglio di alberi e l’ennesimo smantellamento di aree verdi.
Noi diciamo Basta! a questa ennesima operazione di cementificazione.
Noi diciamo Basta! all’ennesimo supermercato.
Noi diciamo Basta! all’ennesimo parcheggio a raso.

È ora di far sentire la nostra voce.

Come associazione cittadina decidiamo di sostenere i residenti del quartiere Regina Pacis, che rifiutano con fermezza la perdita della propria ultima area verde. Un atto assolutamente non giustificabile in una città che riesce sempre meno a gestire la domanda di servizi per il cittadino, sempre più popolata, già invasa dalle automobili e con l’aria sempre meno respirabile.

È con rabbia e determinazione che Ambiente Saronno, circolo Legambiente, dice “Basta!” e invita la cittadinanza tutta a firmare questa petizione.

Ambiente Saronno Onlus

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore