Quantcast

Parabrezza sfondati e auto sommerse, notte da incubo a Saronno

Il giorno dopo c’è la conta dei danni, con l’acqua che è defluita lentamente liberando il sottopasso e lasciando dietro di sè alberi caduti, foglie e scantinati da ripulire

Parabrezza e lunotti posteriori sfondati, rami caduti, due auto rimaste sommerse nel sottopassaggio di via Milano completamente allagato, chicchi di grandine grossi come pesche, scantinati di case e palazzi (anche all’ospedale) pieni d’acqua.

Galleria fotografica

Il nubifragio su Saronno 4 di 11

La serata di martedì 26 luglio è stata complicata per Saronno e per il territorio limitrofo. Il nubifragio che si è scatenato in pochi minuti intorno alle 22 è stato violentissimo: tuoni e fulmini hanno preceduto quella che viene chiamata “bomba d’acqua”, caduta dal cielo insieme a grandine e ad un forte vento che ha sradicato tutto quello che ha trovato sul proprio percorso.

Il giorno dopo c’è la conta dei danni, con l’acqua che è defluita lentamente liberando il sottopasso diventato famoso anche sui social con una pagina a lui dedicata e lasciando dietro di sè alberi caduti, foglie e scantinati da ripulire.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Luglio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il nubifragio su Saronno 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore