Quantcast

Centrodestra Gerenzano: “Vogliamo dare una svolta radicale al nostro paese”

La nota del gruppo Centrodestra Gerenzano sulla serata di presentazione del gruppo, svoltasi il 23 maggio all'auditorium comunale

Generica 2020

La nota del gruppo Centrodestra Gerenzano sulla serata di presentazione del gruppo, svoltasi il 23 maggio all’auditorium comunale.

“Vivere in un paese come se uscendo per la strada, fosse come essere a casa tua”, ecco questa è una delle frasi, pronunciata dal candidato sindaco Ambrogio Clerici, che hanno contraddistinto nella sostanza la presentazione che ha avuto luogo lunedì sera presso l’Auditorium G. Verdi di Gerenzano della lista Centrodestra Gerenzano. Potremmo definirla senza tema di essere smentiti una serata di grandi emozioni, genuina, limpida.

Il candidato sindaco Ambrogio Clerici, attorniato dal suo Gruppo composto da 16 gerenzanesi, tutte persone affiatate e motivate, ha presentato il Programma Amministrativo con cui partecipano a questa tornata elettorale. Le parole che contraddistinguono questo gruppo di persone, tutte inserite nel tessuto sociale del paese, sono sicuramente umiltà, competenza, esperienza, spirito di servizio e tanta voglia di cambiare in meglio il paese. I progetti illustrati dai candidati sono stati tutti incentrati su quello che è il perno su cui poggia il programma amministrativo del CENTRODESTRA gerenzanese, ovvero “ridare un anima al paese”, farlo rinascere, cercando di migliorare sensibilmente la quotidianità e la qualità della vita dei cittadini.

Entrando nel dettaglio, il programma contiene delle parti importanti dedicate all’attenzione per il mondo della disabilita, per la famiglia e per le giovani coppie. Importante poi il capitolo sugli interventi relativi al mondo dell’associazionismo sportivo, sociale e culturale. Si vuole, qualora eletti, garantire nuovamente alle Associazioni gerenzanesi tutti i contributi che sono stati tolti dalla Amministrazione in carica e si vogliono redigere, in stretta collaborazione con le stesse Associazioni, dei piani mirati per la continua manutenzione delle strutture da loro occupate e/o gestite. Un focus poi sul mondo della scuola, luogo di formazione non solo didattica, per passare poi ai nostri senior . A questo punto come non parlare del Centro Anziani Carlo Cattaneo che non deve essere solo il luogo dove si va per una partita a carte, ma una realtà attiva e propositiva circa progetti mirati per la terza età. Uno sguardo anche al mondo dei giovani, con l’impegno da parte dei candidati di essere dei punti di riferimento per i ragazzi. Quello presentato è un Programma redatto negli ultimi 5 anni sulla base delle richieste, osservazioni e proposte fatte dai cittadini. Questo è un Gruppo dove all’entusiasmo dei giovani si affianca l’esperienza e alla competenza amministrativa di chi ha amministrato Gerenzano cambiandogli volto. Tornando alla serata, una delle tante domande poste dai candidati è stata: Perché il cambiamento non può essere adesso? Infatti si è sottolineato che in un momento di profonda incertezza e crisi, non bisogna attendere per cambiare, non c’è più tempo occorre dare già da oggi una svolta al paese che non si concretizzi solo in nuove opere pubbliche, ma in un cambiamento che migliori l’esistenza di tutti. Una sfida ambiziosa che occorre accettare. Come concretizzare queste idee è quanto è stato descritto nella serata. Una parte importante del programma è dedicata anche alla sicurezza. In questi ultimi 10 anni nessun investimento importante è stato fatto per la Polizia Urbana, abbiamo una rete di telecamere obsoleta e scarsa. Occorre aumentare il numerico degli Agenti di Polizia Locale, attingere a Bandi regionali per avere finanziamenti da utilizzare per ampliare la rete di videocamere, con l’ Assessore competente sempre disponibile per i cittadini e per interventi coordinati anche con le Forze dell’Ordine. Occorre rimettere in funzione il numero verde per le segnalazioni tolto dall’Amministrazione in carica. Creazione poi di uno Sportello per la disabilita che possa fungere sia come luogo dove le famiglie possono rivolgersi per ottenere aiuti concreti, delle informazioni chiare, che funzioni anche come Centro di ascolto. Si è parlato anche di un Ambulatorio. Bello sarebbe poi dar vita alla Casa delle Associazioni, uno sviluppo della Consulta chiusa in questi 10 anni dalla attuale Amministrazione.

Scandaloso è che le Associazione di Gerenzano si debbano riunire in altri Comuni limitrofi perché qui non ci sono strutture per poterle ospitare. Occorre creare una reale aggregazione che avvenga non solo nei periodi estivi, ma tutto l’anno organizzando eventi di vario genere che vadano incontro alle richieste dei cittadini. Il Comune non è qualcosa di lontano, ci deve essere un dialogo costante, costruttivo tra gli Amministratori ed i cittadini con proposte degli stessi da sviluppare, tutti uniti. Ci deve essere una svolta radicale rispetto a questi ultimi 10 anni, ovvero i cittadini che propongono e soprattutto vengono ascoltati. Interessante poi la parte in cui si è parlato dei Volontari Avis e del Punto informativo Avis Gerenzano che è stato chiuso dalla Amministrazione in carica. Invitiamo tutti alla visione sulla nostra pagina Facebook della registrazione della serata che ha dato numerosi spunti di riflessione ai presenti oltre che forti emozioni. Bravi tutti.

Lo speciale elezioni di VareseNews

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore