Quantcast

Via l’amianto dal cimitero di Solaro

Il 29 aprile il Comune di Solaro ha ottenuto un finanziamento da Regione Lombardia pari a 222mila euro, a fronte di un quadro economico complessivo di poco inferiore ai 240mila euro

Varie

Il Comune di Solaro ha ottenuto un altro importante finanziamento che utilizzerà per la rimozione di amianto dalle coperture dei loculi cimiteriali.

Il 29 aprile il Comune di Solaro ha ottenuto un finanziamento da Regione Lombardia pari a 222mila euro, a fronte di un quadro economico complessivo di poco inferiore ai 240mila euro, per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici.

Il progetto, approvato dalla Giunta Comunale il 22 febbraio, prevede le seguenti opere: rimozione integrale della copertura in lastre di cemento amianto dei tre corpi di fabbrica a loculi del cimitero comunale, la posa di una nuova copertura in pannelli sandwich in lamiera di acciaio grecata coibentati, il rifacimento delle lattonerie e dei canali per l’adeguamento alla nuova copertura, l’installazione di una linea vita su ciascuna copertura per le attività di manutenzione della stessa.

Contestualmente al rifacimento delle coperture verrà installato un impianto fotovoltaico che renderà più sostenibile l’alimentazione elettrica di tutto il cimitero. Si tratterà di apparecchiature in grado di garantire una produzione di energia elettrica al servizio delle utenze cimiteriali. I pannelli fotovoltaici saranno installati sulla copertura dell’edificio loculi, in una posizione che sarà verificata all’atto della progettazione esecutiva.

L’azienda che si occuperà dell’opera notificherà la bonifica all’organo di vigilanza competente per il territorio comunale di Solaro disponendo un piano di lavoro conforme alle normative vigenti, in funzione della valutazione dei rischi.

Christian Caronno, assessore ai Lavori Pubblici: «Non ci limitiamo alla seconda importante rimozione di amianto durante il nostro mandato, entrambe realizzate anche grazie alla capacità degli uffici di intercettare cospicui contributi regionali (in totale più di 400mila euro), ma puntiamo la nostra azione anche sull’installazione di tecnologie di ultima generazione per ottenere energia pulita che ci consentirà un ingente risparmio di costi.
Il percorso cominciato con la scuola Mascherpa di via San Francesco e proseguito ora con il cimitero, continuerà nei prossimi anni sino all’obiettivo chiaro e concreto di avere tutte le proprietà pubbliche prive di amianto.
Per quanto riguarda il cimitero, non si tratta dell’unico intervento predisposto: dopo le estumulazioni compiute negli ultimi mesi è in corso la progettazione dei nuovi loculi che verranno realizzati nell’area della recinzione sud».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore