Quantcast

Azione Saronno: “Le nostre proposte per la mobilità ciclopedonale, via Don Griffanti e Parco D’Acquisto”

Nota di Azione Saronno relativa alla mobilità ciclopedonale

Varie

Nota di Azione Saronno relativa alla mobilità ciclopedonale

Una recente richiesta di chiarimento del Sindaco Airoldi a Regione Lombardia e Ferrovienord sui tempi di attuazione degli interventi sul comparto della stazione è l’occasione per noi di richiamare l’Amministrazione su alcune proposte che avevamo già avanzato in occasione del passaggio in Consiglio Comunale a febbraio 2021.

Iniziamo da un concetto e da un dato di fatto.
• Il concetto è quello della “depavimentazione”, ossia la pratica di ripristinare parte del suolo naturale rimuovendo strati impermeabilizzati come asfalto o calcestruzzo. In Europa se ne parla da anni, è ricompresa nel documento della Commissione Europea “Orientamenti in materia di buone pratiche per limitare, mitigare e compensare l’impermeabilizzazione del suolo” del 2014 e a Milano l’Assessore Maran ne ha fatto uno dei cardini del suo incarico.
• Il dato di fatto è che Saronno è una delle città più urbanizzate d’Italia: come riportano i dati di Ambiente Saronno Odv, la nostra città è in cima alla classifica provinciale per consumo di suolo e si colloca al 18° posto tra i 1500 Comuni della Lombardia.

Fatte queste premesse, torniamo all’intervento oggetto della richiesta del Sindaco e riprendiamo qui soltanto due proposte tra tutte quelle da noi avanzate in merito al progetto di riqualificazione: quelle che riguardano via Don Griffanti e via 1° maggio.

Per quanto riguarda via don Griffanti, l’intervento oggi previsto dall’Amministrazione prevede la realizzazione di alcuni posti auto tra aiuole verdi. Considerando però alcuni aspetti “di contesto”, ci chiediamo, come Azione Saronno se questa sia in effetti la soluzione migliore. Infatti:
– Via Don Griffanti è oggi una via con scarso traffico, utilizzata sostanzialmente come area di sosta.
– Il parcheggio di piazza Mercanti è spesso solo parzialmente utilizzato.
– Il parco Salvatore D’Acquisto è un polmone verde che meriterebbe di essere ulteriormente valorizzato, visto che Saronno ha un grande bisogno di aree verdi di qualità all’interno del tessuto urbanizzato.

Facciamo quindi una proposta differente, dato che ci troviamo in un momento che ancora consente modifiche al progetto: si potrebbe valutare la possibilità di inglobare all’interno del parco l’area di via Don Griffanti (dal civico 3 della stessa via, fino all’intersezione con via Pagani), compreso lo spazio previsto per i nuovi parcheggi. Facendo ciò sarebbe possibile allargare di circa 1/3 la superficie del parco, iniziando anche a Saronno il processo di depavimentazione di cui abbiamo parlato sopra e dando un piccolo ma importante segnale nella direzione di una riduzione del consumo di suolo, su cui l’Amministrazione Airoldi in campagna elettorale si era spesa.

L’impatto sulla viabilità sarebbe trascurabile, se non addirittura positivo, se:
– si mantenesse un percorso ciclopedonale in terra battuta in attraversamento del parco su quella che attualmente è via don Griffanti;
– si garantisse l’accesso da viale Rimembranze ai passi carrai oggi presenti su via don Griffanti;
– si realizzasse un collegamento ciclopedonale tra via Diaz e via Pagani all’interno del comparto FN.

Il secondo punto che ci permettiamo di portare nuovamente all’attenzione dell’Amministrazione è la necessità di mettere in sicurezza un itinerario ciclabile che corrisponda a quello automobilistico del sottopasso di via 1° maggio, così come previsto dal PGT, in modo da connettere la parte orientale della città (quella, per intenderci, del centro e della stazione) con la parte occidentale (quella del viale Santuario e di molte delle scuole della nostra città). Abbiamo letto di altre idee e progetti relativi a collegamenti ciclabili alternativi, ma l’accordo con Ferrovienord sarebbe invece, a nostro parere, occasione preziosa per mettere mano a questo particolare dossier, da troppo tempo trascurato.

Come Azione Saronno, chiediamo all’Amministrazione e alle forze politiche di maggioranza di considerare queste 2 proposte – l’estensione del parco e la creazione di un percorso ciclabile est-ovest – nell’ambito del progetto concordato con Ferrovienord.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore