Quantcast

Vola la raccolta fondi per pagare le spese veterinarie di Maya, il cagnolino aggredito al parco degli Aironi di Gerenzano

Avviata nella serata del 15 aprile, ha raccolto in poche ore circa 1250 euro. Il cagnolino era stato gravemente ferito da un cane di taglia medio-grande, sfuggito al controllo dei proprietari, che si erano poi dati alla fuga

Generica 2020

È anche una storia di solidarietà e di vicinanza quella di Maya, il cagnolino aggredito domenica 10 aprile al Parco degli Aironi di Gerenzano. La raccolta fondi lanciata nella serata di venerdì 15 aprile per aiutare la famiglia di proprietari al pagamento delle spese veterinarie, ha infatti raccolto in poche ore la solidarietà di oltre 70 persone, che hanno donato un totale di circa 1.250 euro.

La storia è quella di Eleonora Scandiffo, una giovane mamma di Trezzano sul Naviglio, che domenica scorsa, mentre era al parco di Gerenzano insieme alla propria famiglia, ha visto il proprio cagnolino di 10 mesi Maya attaccato da un cane descritto come «pitbull o amstaff», sfuggito al controllo dei proprietari, che si erano poi dati alla fuga, lasciando sulle spalle di Eleonora e del marito il pagamento delle ingenti spese veterinarie della barboncina, ancora ricoverata in clinica veterinaria.

Da lì la trezzanese aveva lanciato diversi appelli social su tutti i gruppi Facebook di Gerenzano, compreso quello del Parco degli Aironi, per rintracciare i proprietari del cane, ai quali però nessuno ha risposto.

“Il mio cane aggredito da un molosso. Aiutatemi a rintracciare i padroni fuggiti”

Da un’amica di Eleonora poi, Marta Pezzoni, una digital creator che su Instagram ha circa 20 mila follower, l’idea di aprire una raccolta fondi per aiutare questa famiglia a supportare le spese veterinarie, che al momento ammontano a oltre 3.000 euro. «L’aggressione ha provocato gravissimi danni interni a Maya, che è stata operata ed è ancora in terapia intensiva e la prognosi resta riservata – si legge nella raccolta avvia su GoFundMe -. Così la mia amica si trova a dover affrontare spese veterinarie altissime, senza sapere se Maya tornerà a casa e con due bimbi in lacrime, che si aspettano di rivedere la loro cagnolina. Vi ringrazio fin ora per la vostra solidarietà».

«Al momento dell’aggressione al parco non abbiamo ricevuto solidarietà, nessuno si è avvicinato per chiederci come stessimo – dichiara Eleonora -. Se non altro abbiamo avuto questo riscontro molto positivo, che non ci aspettavamo. Vi chiediamo di aiutarci a supportare le spese veterinarie».

Per chiunque volesse contribuire, ecco il link della raccolta fondi su GoFundMe. 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore