Quantcast

Ancora baby gang in azione: “Non dire niente o ti facciamo sparire e picchiamo tuo fratello”

Una decina di ragazzi minorenni ha accerchiato in gruppo cinque 13enni. Uno di essi, un 17enne di Cinisello Balsamo di origini egiziane, ha puntato uno dei 13enni con l’intento di portargli via il borsello Louis Vuitton che teneva a tracolla

Generica 2020

“Non dire niente a nessuno, ti facciamo sparire e picchiamo tuo fratello”.

Ancora baby gang in azione. Questa volta a Seveso, attorno alle 23 di sabato 26 febbraio, lungo via Trento e Trieste. Una decina di ragazzi minorenni ha accerchiato in gruppo cinque 13enni. Uno di essi, un 17enne di Cinisello Balsamo di origini egiziane, ha puntato uno dei 13enni con l’intento di portargli via il borsello Louis Vuitton che teneva a tracolla.

Il 17enne, “capo” del gruppo, dopo vari tentativi di strapparglielo di dosso, con ripetute minacce lo ha costretto infine a consegnarglielo e poi ha aggiunto la minaccia: “…e non dire niente a nessuno, ti facciamo sparire e picchiamo tuo fratello”. Poi, insieme al gruppo, si è allontanato a piedi lungo le vie limitrofe.

Il 13enne si è subito rivolto ai carabinieri che, giunti sul posto con varie pattuglie, raccolta la testimonianza della vittima, immagazzinate le immagini delle telecamere di videosorveglianza, hanno avviato un’immediata battuta di ricerche.

Poco dopo, transitando nei pressi del vicino scalo ferroviario di Seveso-Baruccana, i militari del Radiomobile di Seregno hanno notato un gruppo di ragazzi che stava entrando in stazione per prendere il primo treno utile per allontanarsi. Tra questi ne spiccava uno corrispondente proprio alla descrizione data dalla vittima: Moncler nero, borsone sportivo e capelli ricci con rasatura sui lati.

Alla vista dei militari il 17enne, spalleggiato dal gruppo, senza alcun motivo, si è rivolto ai militari dicendo ”non siamo stati noi, noi non c’entriamo nulla”. E proprio quelle affermazioni hanno indotto i militari dell’Arma ad approfondire e verificare la posizione del ragazzo che, dopo essersi contraddetto nei propri racconti, ha ammesso di essere il responsabile della rapina ma di non essere più in possesso del borsello, ceduto a un altro coetaneo – in fase di identificazione- che era già riuscito ad allontanarsi.

Il 17enne, incensurato, al termine degli accertamenti, è stato denunciato alla Procura per i minorenni di Milano e riaffidato ai propri genitori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Febbraio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore