Quantcast

Dalla Regione 250mila euro per riqualificare i lavoratori ex Gianetti di Ceriano Laghetto

Finanziato il progetto messo a punto da Afol Monza e Brianza

Lavoratori della Gianetti Ruote in corteo a Carpenedolo

Da Regione Lombardia un finanziamento di quasi 250mila euro per aiutare 80 lavoratori ex Gianetti a tornare competitivi sul mercato del lavoro.

E’ stato approvato in questi giorni, il progetto “Azioni di rete per il lavoro” messo a punto da Afol Monza e Brianza e presentato il 18 novembre 2021 ai lavoratori della Gianetti Ruote, durante un incontro nella sala consiliare del Comune di Ceriano Laghetto. Circa 80 ex dipendenti della storica fabbrica di ruote di Ceriano, che ha improvvisamente chiuso i battenti il 3 luglio 2021, hanno aderito al percorso di assistenza che, con il supporto di un tutor qualificato, fornirà a ciascun lavoratore un piano di intervento personalizzato, che prevede azioni di accompagnamento al lavoro e riqualifica volta a rendere i profili professionali più competitivi sul mercato attuale del lavoro.

Il progetto prevede un investimento economico della Regione su due anni, nel 2022 e nel 2023.

«Sono molto soddisfatto di questo intervento di Regione Lombardia che dimostra concretamente che l’attenzione su questa crisi aziendale da parte delle istituzioni locali non è mai calata, nonostante le dure condizioni a cui sono stati sottoposti da subito i lavoratori e i rapporti non facili con la proprietà aziendale – dichiara il sindaco di Ceriano Laghetto Roberto Crippa -. Mentre dal Tribunale di Monza continuano a giungere notizie poco confortanti per i lavoratori della fabbrica di Ceriano, dopo la sostanziale conferma della prima udienza che ha ritenuto legittimi i licenziamenti decisi dall’azienda e comunicati all’improvviso a sindacati e lavoratori, dalla Regione Lombardia arriva un’azione concreta che potrà contribuire a risolvere la situazione difficile di molti ex dipendenti rimasti ad oggi senza lavoro».

«Il Comune di Ceriano Laghetto, così come ha sondato ogni strada concretamente percorribile per cercare di limitare il più possibile gli effetti di questa crisi, ha subito assecondato le esigenze avanzate da Afol Monza e Brianza riguardo la necessità di organizzare in loco i primi incontri informativi. Ho subito concesso gli spazi comunali per gli incontri propedeutici, evitando ulteriori perdite di tempo in quanto percepivo la possibilità di una occasione da non perdere per i lavoratori della Gianetti e oggi questa decisione di Regione Lombardia conferma la bontà di quelle scelte. Mi auguro che questo percorso si trasformi presto in nuove opportunità di lavoro», aggiunge il sindaco Crippa.

«Abbiamo seguito su tutti i tavoli la vicenda Gianetti con la speranza che le istanze per difendere posti di lavoro importanti venissero accolte, ma nel frattempo eravamo pronti ad attivare le misure per non lasciare soli i lavoratori – aggiunge il presidente della Provincia MB Luca Santambrogio -. La nostra agenzia per il lavoro, Afol Monza e Brianza, ha fatto lavoro di squadra con gli operatori del territorio coinvolti nel progetto di rete e siamo pronti a partire con percorsi di riaccompagnamento al lavoro puntando sulla valorizzazione dei singoli profili professionali. Contiamo sulla preparazione e l’esperienza di Afol e dei soggetti partner per aiutare questi lavoratori a ritrovare serenità e un nuovo futuro».

Il progetto di rete per il lavoro per affrontare la crisi Gianetti vede Afol Monza Brianza come capofila e i seguenti partner coinvolti: Ig Samsic Hr Spa, Adecco Italia Spa, Energheia Impresa Sociale Srl, IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia Srl, GiGroup SpA in qualità di partner accreditati e Provincia di Monza e della Brianza, Comune di Ceriano Laghetto, FIOM CGIL, UILM – Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici, FIM CISL – Federazione Italiana Metalmeccanici CISL, in qualità di partner non accreditati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Febbraio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore