Quantcast

Pd Saronno: “Maggioranza coesa, favorevoli alla trasparenza sulla vicenda Rodari”

Il Partito Democratico di Saronno torna sulla vicenda della rimozione dell'assessore ai Lavori Pubblici Novella Ciceroni e sulla vicenda della scuola Rodari, confermando la fiducia nel sindaco Augusto Airoldi e dicendosi pronti ad affrontare la commissione d'inchiesta richiesta dalle opposizioni

partito democratico

Il Partito Democratico di Saronno torna sulla vicenda della rimozione dell’assessore ai Lavori Pubblici Novella Ciceroni e sulla vicenda della scuola Rodari, confermando la fiducia nel sindaco Augusto Airoldi e dicendosi pronti ad affrontare la commissione d’inchiesta richiesta dalle opposizioni

La comunicazione del Sindaco Airoldi, mediante il video apparso sui media, rende chiare le ragioni che hanno condotto alla revoca delle deleghe all’Assessora Ciceroni.

Le ragioni espresse dal Sindaco, sono esclusivamente motivate dalla condotta che l’ex Assessora ha tenuto nella gestione della pratica collegata al finanziamento della scuola Rodari.

Condotta che ha poi portato alla perenzione del finanziamento, ed all’inutilità di ogni altra attività amministrativa dopo il diniego del ministero ad ogni proroga richiesta oltre il termine. Non possiamo quindi esimerci dal contestare i contenuti dei comunicati, e le dichiarazioni rese dall’ex Assessora nell’intervista del 15 gennaio scorso.

Obiettivo Saronno sottoscrivendo l’apparentamento a sostegno della candidatura Airoldi ne ha condiviso l’ampio programma amministrativo, portandola anche a condividere responsabilità di gestione di enti partecipati. Dopo tutto ciò è assolutamente inaccettabile che ora l’ex Assessora ai lavori pubblici dipinga la maggioranza, di cui faceva parte, come composta da “automi” asserviti ai voleri del Sindaco, pronti a votazioni “a prescindere”, ed il Sindaco come “Schettino” pronto ad abbandonare la nave.

Nella maggioranza che sostiene l’Amministrazione Airoldi si è sempre discusso nei luoghi destinati all’esame dei contributi di tutti coloro che ne fanno parte, ma poi si deve giunge ad una necessaria sintesi da rappresentare nei Consigli Comunali, per portare avanti un’azione amministrativa nell’interesse dei cittadini.

Questo si chiama democrazia, costruita e portata avanti in modo consapevole e costruttivo, che non ha nulla a che vedere con la ricerca di visibilità personale di una singola lista. Troviamo anche inaccettabile che la sig.ra Ciceroni abbia voluto stabilire una relazione tra la revoca delle sue deleghe, e le dimissioni nel Settembre scorso dell’Assessora al bilancio Giulia Mazzoldi. Quest’ultima si è dimessa per le ragioni, già esplicitate più volte, di non poter più conciliare le responsabilità amministrative con il proprio lavoro, la prima per le omissioni relative alla partita “Rodari”.

Gentile Signora Ciceroni non c’è nessuna nave incagliata, e la maggioranza coesa con il suo Sindaco resterà saldamente al timone per realizzare il programma elettorale trasfuso nel Documento Unico di Programmazione, che Lei stessa ha approvato in Giunta Comunale.

In riferimento a tutto questo il Partito Democratico di Saronno non ha nulla in contrario, anzi è un’occasione di verità e trasparenza, che venga predisposta una commissione d’inchiesta sull’accaduto, così come richiesto dalle forze di opposizione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore