Quantcast

“Grazie al Villaggio Sos di Saronno ho imparato il senso della famiglia”

Katy da piccola è stata ospitata presso il Villaggio SOS di Saronno e ha raccontato come adesso vede queste esperienza di accoglienza e come questa sia stata importante per la sua vita ora

Generica 2020

Un post sul profilo del Villaggio Sos di Saronno per ricordare l’esperienza vissuta, ringraziare le persone che hanno contribuito alla formazione e alla crescita di una bambina diventata donna e mamma.

La testimonianza di Katy: da piccola è stata ospitata presso il Villaggio SOS di Saronno e ha raccontato come adesso vede queste esperienza di accoglienza e come questa sia stata importante per la sua vita ora.

Sono passati ormai più di 10 anni da quando ho lasciato ciò che per me è stata la mia famiglia, la mia casa… a causa di alcuni sbagli degli adulti all’età di 9 anni avevo smesso di credere nella famiglia e nell’amore che ti sa donare, ma grazie ad una nuova e grande famiglia quei valori sono diventati fondamentali per me. In tutto il tempo passato con voi ho imparato ad amare incondizionatamente, non importa l’età, il colore della pelle, la lingua… voi mi avete insegnato che siamo tutti uguali.

Mi avete insegnato che essere genitore può essere stancante, ma anche pieno di soddisfazioni, che crescendo bisogna imparare a dosare il si e il no, bisogna spiegare perché si dice no ad un bambino poiché lui non lo sa.

Mi avete insegnato che un bambino non ha colpe per essere venuto al mondo, che un bambino non deve pagare per le colpe di un adulto. Il bambino deve fare il bambino e l’adulto deve fare l’adulto concedendosi di tornare bambino in certi momenti. Ad oggi aspetto il mio quarto figlio ed è la gioia più grande che possa avere e questo solo grazie a chi ha saputo colmare il vuoto che mi aveva invaso da bambina.

Ad oggi i valori che mi caratterizzano sono quelli che ognuna delle persone entrate nella mia vita con voi mi ha trasmesso. Solo un consiglio voglio dare a chi entrerà nella vita dei bambini/ragazzi dei Villaggi Sos, amate questi ragazzi con tutto il vostro cuore perché per loro sarà molto più importante di ciò che potete pensare mentre per i bambini/ragazzi vorrei dirvi una cosa: “Fate tesoro di ogni momento, bello o brutto che sia, perché vi farà diventare delle persone fantastiche, degli adulti degni di fiducia”

All’età di 30 anni ringrazio ancora la mia fantastica mamma sos, Loretta, che ha saputo riempire il vuoto che si stava impadronendo di me.

Un grazie speciale va a tutti voi, ma uno particolare va a lei, lei che è stata più di una mamma o di una figura di riferimento, lei che è in ogni gesto che compio, in ogni insegnamento che dò ai miei bambini, lei che anche tra anni e anni avrà sempre un posto speciale nel mio cuore.

Grazie Loretta (Letta) per avermi dato l’amore di cui avevo bisogno, non sarei ciò che sono oggi se non fosse per te e non avrei la fantastica famiglia che ho se non fosse stato per ciò che mi avete insegnato quando ne avevo più bisogno.

Vi voglio bene e ve ne vorrò per sempre

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore