Quantcast

All’Office Station di Saronno si parla di innovazione, sostenibilità e olio extravergine d’oliva

Martedì 14 dicembre si è tenuto il secondo incontro dedicato alle aziende al business center e coworking di via Ferrari 21, dietro la stazione di Saronno

Generica 2020

L’innovazione non è una questione tecnologica. Perlomeno, non solo. L’innovazione è il terreno sul quale competono piccole e grandi aziende ed è un processo complesso composto da tecnologia, digitalizzazione, capitale umano e riorganizzazione aziendale.

È ciò di cui si è discusso nel secondo incontro dedicato alle aziende all’Office Station di Saronno, il business center e spazio di coworking inaugurato nell’ottobre 2019 all’interno della ex fabbrica Lesa, a pochi metri dalla stazione ferroviaria centrale della città.

Office Station si apre alle aziende e alla città di Saronno

A presiedere la serata Marco Gandola, amministratore delegato del Gruppo Informatico Siges, Angelo Bongio di Faberlab, l’hub di prototipazione industriale di Confartigianato Imprese Varese e Oscar Legnani dello studio Legnani Legal.

«La trasformazione digitale apre nuove frontiere per le aziende, con un’etichetta completa si può portare a conoscenza del produttore finale tutta la filiera produttiva di un prodotto – ha dichiarato Oscar Legnani -. Le tecnologie digitali, unite a competenze umane e ad un processo produttivo abilitano e danno forza ad un prodotto, che ha una forza storica e culturale».

A conclusione della serata un esempio di innovazione applicato ad un processo produttivo con una degustazione di olio extravergine di oliva con Mirko Mastrorilli e Luca Garbelli (in foto sotto) de “Il profumo della terra”, olio toscano IGP.

OFFICE STATION SI ALLARGA E SI RINNOVA

«Office Station è una bella community di 35 aziende, all’interno di uno spazio di 4 mila metri quadrati. Siamo orgogliosi di dire che abbiamo raggiunto un riempimento degli uffici del 100% – dichiara Marco Gandola, che ha annunciato un ampliamento dell’Office Station e un restyling completo della facciata dell’intero stabile dell’ex azienda che produceva componenti elettriche -.  Compreremo un altro spazio che ci permetterà di collegare tutto il primo piano, con altri sette uffici: si tratta di un ulteriore tassello che mettiamo al nostro progetto. Il condominio Lesa ha poi deliberato il rifacimento della facciata grazie al superbonus 110%. Questo è uno stabile storico, un’azienda che in passato dava lavoro a migliaia di persone. Oggi qui lavorano aziende orientate all’innovazione, che possono portare competenze e diventare un punto di riferimento per tutta Saronno».

Il retro della stazione di Saronno è un’area che nei prossimi anni vedrà un cambiamento a 360 gradi. Oltre al rinnovamento in corso all’ex Lesa infatti, sul piatto ci sono il progetto di costruzione di “bene comune” all’ex Isotta Fraschini e la prossima conclusione della riqualificazione dell’ex Cemsa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore