Quantcast

Il Consiglio comunale di Solaro conferirà la cittadinanza onoraria al “Milite ignoto”

Il provvedimento darà seguito alla proposta del Gruppo delle Medaglie d’oro al Valor militare d’Italia in occasione della ricorrenza del centenario della traslazione del Milite ignoto all’Altare della Patria

Generica 2020

Anche il Comune di Solaro conferirà la cittadinanza onoraria al “Milite ignoto”.

In occasione della manifestazione commemorativa del 4 novembre per la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e del centesimo anniversario di traslazione della salma del Milite Ignoto all’Altare della Patria (1921 – 2021), il Comune di Solaro ha infatti deciso di aderire all’iniziativa del gruppo delle Medaglie d’oro al valor militare d’Italia, sponsorizzata da Anci, Associazione Nazionale Comuni Italiani, per il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto da parte di tutti i Comuni di Italia.

Il Milite ignoto è un militare italiano morto sul fronte durante la prima guerra mondiale, il cui corpo non fu mai possibile identificare e che il 4 novembre 1921 venne sepolto simbolicamente presso l’Altare della Patria a Roma, in rappresentanza di tutti i caduti e i dispersi in guerra italiani.

Il provvedimento darà seguito alla proposta del Gruppo delle Medaglie d’oro al Valor militare d’Italia, che in occasione della ricorrenza del centenario della traslazione del Milite ignoto all’Altare della Patria, ha avviato in collaborazione con l’Associazione nazionale Comuni italiani il progetto “Milite ignoto, cittadino d’Italia” per il conferimento della cittadinanza onoraria da parte di tutti i Comuni del Paese.

L’iniziativa è stata annunciata ufficialmente durante le celebrazioni di domenica 7 novembre, con la celebrazione della Santa Messa in presenza dell’Associazione Nazionale Alpini gruppo Ceriano Laghetto, il discorso istituzionale del sindaco di Solaro Nilde Moretti ed il concerto del Corpo Musicale Attilio Rucano di Solaro “Italia 15-18”, la storia della Grande Guerra raccontata da un quintetto di ottoni, anticipato dall’introduzione storica a cura di Marco Galan.

Il sindaco di Solaro Nilde Moretti: «A Solaro da sempre ricordiamo e commemoriamo, con cerimonie sentite dall’Amministrazione Comunale e dalla popolazione, la Festa della Liberazione del 25 aprile ed il 4 novembre Festa delle Forze Armate. Il nostro paese ha sempre dimostrato sensibilità a tramandare la memoria storica alle prossime generazioni e tale proposta, pur non rientrando nella fattispecie disciplinata da regolamenti e procedimenti contemplati, assume una valenza sovra comunale ed uno speciale simbolismo posto nella traslazione metaforica della figura del Soldato a quella del popolo e infine a quella della Nazione. Abbiamo aderito all’iniziativa perché così come cento anni fa quel Soldato è stato voluto “di nessuno” perché potesse essere percepito come “di tutti” e sublimare così il sacrificio di tutti i Caduti per la Patria, oggi è giunto il momento in cui in ogni luogo della Patria si possa orgogliosamente riconoscere la “paternità” di quel caduto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore