Quantcast

Miglino (Forza Italia Saronno): “La riconoscenza mancata”

Nota dell’ex assessore Mariassunta Miglino, esponente di Forza Italia Saronno, che contesta apertamente la scelta dell’amministrazione comunale guidata da Augusto Airoldi di non effettuare la consegna delle benemerenze civiche

Generica 2020

Nota dell’ex assessore Mariassunta Miglino, esponente di Forza Italia Saronno, che contesta apertamente la scelta dell’amministrazione comunale guidata da Augusto Airoldi di non effettuare la consegna delle benemerenze civiche

C’è delusione per una Ciocchina non organizzata e per la scarsa comunicazione di questa amministrazione che non presta ascolto al sentire dei suoi cittadini.

Glissare sull’argomento, quasi sapendo quanto fosse impopolare la decisione riguardo alla mancata assegnazione della benemerenza cittadina e comunicarla alla città a ridosso della festa del Trasporto, ha ferito quanti conoscono l’emozione e l’affetto che la città ha sempre espresso nei confronti dei cittadini meritevoli di tale riconoscimento.
Così, salta per la seconda volta l’appuntamento tanto atteso.

Quest’anno atteso anche di più, vista una raccolta di firma alla memoria del prof Paolo Strano che già a settembre veniva consegnata in Comune e anche perché, dopo l’unica Ciocchina dedicata all’Ospedale voluta dall’amministrazione Fagioli ad Aprile 2020 nel pieno dell’epidemia, la città si aspettava che fossero designati gli altri quattro/cinque benemeriti che, appunto, già a ottobre scorso non furono indicati.

Io, che in quell’aprile c’ero nel piazzale dell’ospedale tra i medici, gli infermieri commossi e in lacrime, so cosa vuol dire “essere vicini” e riconoscere l’impegno donando quel simbolo che meglio di ogni parola sa esprimere l’orgoglio di essere saronnese ringraziando i saronnesi che il meglio e tutto il possibile hanno fatto per la nostra città.

Nel momento più buio dell’epidemia, quando non riuscivamo ad assicurare neppure i dispositivi di protezione, l’amministrazione Fagioli volle consegnare la Ciocchina, all’aperto.
In un piazzale, con il suono delle sirene e le forze dell’arma schierate.
Oggi nulla di quanto viviamo ricorda, per fortuna, quei momenti..

Lo sappiamo tutti benissimo. Nessuna limitazione a teatro e a cinema, piena libertà per organizzare eventi sportivi (Stramatteotti e Strasaronno.. tra gli altri) e anche serate musicali (il concerto a teatro con 580 persone sabato sera).
Appare allora evidente che la motivazione del Sindaco, che fa riferimento alle “ impellenti ragioni di carattere sanitario” proprio non reggono. Così come la motivazione addotta sulla mancanza di un luogo adatto per l’indisponibilità della sala Vanelli, come se il teatro non lo fosse.

Mi auguro che l’amministrazione Airoldi torni sui suoi passi, dando un segnale distensivo ai cittadini, anche a coloro che non hanno votato questo Sindaco e che non hanno rappresentanti in maggioranza.

Perché la Ciocchina è di tutti.
Perché la Ciocchina, oggi più che mai, rappresenta la resilienza e il coraggio di quanti hanno continuato a vivere nonostante tutto e esprime la voglia vera di ricominciare.

Ricominciare con gesti significativi e concreti che vanno oltre quanto l’amministrazione ha deciso fino a questo momento di realizzare in città.
Infine, la superficialità di chi dichiara “ci sono problemi più importanti della Ciocchina di cui interessarsi” è solo un triste segnale di cieca appartenenza politica…

Bisognerebbe volare alto in certe cose.
Per il rispetto della sensibilità di tutti.

Mariassunta Miglino, Forza Italia Saronno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore