Quantcast

Più ecologica e più efficiente, inaugurata la centrale termica di via Miola a Saronno

L'impianto rinnovato serve la Piscina Comunale, la Scuola elementare Pizzigoni, la Club House, il Campo Sportivo, l’ex Scuola Biffi e la Palestra Dozio

Nuova centrale termica piscina comunale Saronno

La Direzione di Saronno Servizi ha presentato oggi, sabato 23 ottobre, durante un incontro riservato ai giornalisti e alle autorità locali, il piano di interventi effettuati all’impianto di cogenerazione della piscina comunale. «L’intervento è in linea con gli obiettivi delineati dal Recovery Fund in materia di efficientamento energetico e riduzione dei consumi e delle emissioni atmosferiche» – sottolinea la società.

Si è trattato di un vero e proprio “revamping” del sistema di produzione e condivisione di energia, in quanto gli interventi realizzati alla centrale termica hanno permesso di riammodernare completamente l’impianto esistente per portarlo al massimo livello di efficientamento possibile, compatibilmente con la struttura, la superficie di installazione e l’area da servire sul territorio adiacente.

Gli edifici coinvolti nell’utilizzo della Centrale Termica di via Miola sono cinque: oltre alla Piscina Comunale, la Scuola elementare Pizzigoni, la Club House, il Campo Sportivo, l’ex Scuola Biffi e la Palestra Dozio.

Prima dei lavori effettuati la centrale era infatti costituita prevalentemente da caldaie e cogeneratori a gas naturale per la produzione di acqua calda; grazie al piano lavori avviato durante la pandemia e portato a termine prima dell’apertura autunnale dell’impianto termico, sono state portate a termine 4 fasi di intervento che hanno permesso la sostituzione delle turbine con nuovo cogeneratore, lo smantellamento dell’impiantistica obsoleta, l’aggiornamento e l’adeguamento impiantistico della centrale termica e la sostituzione e l’adeguamento degli impianti elettrici.

Oltre a questi interventi è stato anche adeguato il sistema impiantistico della centrale con un nuovo sistema di telegestione e telecontrollo: il progetto ha previsto infatti l’installazione di idonei contabilizzatori dell’energia termica ed elettrica.

Il piano di interventi portato a termine nei mesi scorsi ha consentito di adeguare l’impianto agli obiettivi della nuova fiscalità energetica e di consentire alla centrale di via Miola, a fine progetto, di essere considerata a tutti gli effetti un’officina di produzione di energia elettrica. Grazie all’adeguamento dell’impianto la Saronno Servizi beneficerà anche dei “certificati bianchi” (Titoli Efficienza Energetica).

Gli obiettivi raggiunti grazie al piano effettuato permetteranno di raggiungere tre tipologie di vantaggi: efficientamento del rendimento termico, efficientamento del rendimento elettrico, riduzione del consumo di energia elettrica; minore uso di combustibile, riduzione delle emissioni in atmosfera; riduzione dei consumi, riduzione degli interventi manutentivi.

Franco Casali, assessore all’Ambiente di Saronno, ha commentato il risultato: «L’impegno di Saronno Servizi sul fronte degli investimenti nel campo energetico per ridurre l’impatto ambientale delle attività svolte dai vari rami d’azienda è un’eccellenza sia nell’ambito delle aziende pubbliche del nostro territorio, che nel panorama della utilities lombarde. E su questi temi c’è una grande sintonia con tutto il lavoro che la nostra Amministrazione sta facendo a 360 gradi tra tutti gli assessorati anche nel contesto della transizione ambientale che rappresenta il cuore del PNRR del Governo e quindi anche delle prossime opportunità per Saronno».

Alle parole di Casali sono seguite quelle di Pietro Insinnamo, presidente di Saronno Servizi S.p.A.: «La scelta di intervenire in modo significativo sulla centrale termica di via Miola rappresenta un ulteriore passo in avanti di Saronno Servizi S.p.A. verso lo sviluppo di processi e servizi in linea con la cosiddetta economia circolare. Gli interventi realizzati, unitamente allo sviluppo di un piano di mobilità elettrica in città, anche attraverso l’installazione di una colonnina di ricarica per le auto elettriche all’ingresso della Piscina, rappresentano una case history di green economy operativa a tutti gli effetti nella nostra città».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore