Quantcast

Riqualificazione e sicurezza scuole. Dal Ministero oltre 2 milioni di euro per due plessi scolastici di Saronno

Il bando ministeriale era stato pubblicato lo scorso marzo e prevedeva un contributo a fondo perduto fino ad un importo di 3 milioni di euro. Il Comune di Saronno ha ottenuto 2 milioni e 300 mila euro per la messa in sicurezza e ristrutturazione di due edifici comunali dedicati all'infanzia

Generica 2020

Ci sono anche due progetti del Comune di Saronno tra i 453 ammessi al finanziamento nell’ambito dell’Avviso pubblico da 700 milioni di euro per la messa in sicurezza, la ristrutturazione, la riqualificazione, la riconversione, la costruzione di edifici per asili nido, scuole dell’infanzia e centri polifunzionali per i servizi alla famiglia.

Il Comune si è aggiudicato 1,235 milioni di euro per la scuola dell’Infanzia Collodi in via Toti e 1,185 milioni di euro per il nido Candia, per un totale di 2 milioni e 300mila euro. I due progetti presentati dall’ente riguardano la riqualificazione e messa in sicurezza dei plessi scolastici (ne avevamo parlato qui): il quadro economico stimato nei progetti è di 1.250.000,00 euro per la Candia e 1.300.000,00 euro per la Collodi.

La costruzione dei due edifici scolastici risale a metà degli anni ’70 e che necessitano importanti opere di ristrutturazione. Per le due scuole gli interventi previsti consisterebbero nel rifacimento della copertura in lamiera con coibentazione e della rete di distribuzione dell’impianto di riscaldamento, l’adeguamento sismico, il rifacimento della facciata, del cappotto e dei servizi igienici oltre a diverse opere di ristrutturazione interna e dell’area esterna.

Obiettivo dell’amministrazione sarebbe quello di creare il “Polo per l’infanzia Candia-Collodi” – le scuole infatti si trovano in via Toti, a poche decine di metri di distanza – per «potenziare la ricettività dei servizi e sostenere la continuità del percorso formativo dei bambini di età compresa tra i tre mesi ed i sei anni di età» si legge nel progetto, dove si specifica che il Comune intende cofinanziare entrambi i progetti presentati del 5%, circa 65 mila euro ciascuno.

«In tutta la Regione Lombardia sono stati finanziati una decina di progetti per la scuola dell’infanzia e poco più di venti per i nidi – commenta il sindaco Augusto Airoldi – è la dimostrazione di come Saronno sia pronta e veloce nella preparazione di progetti validi che vengono ammessi al finanziamento. Ecco perché siamo fiduciosi per le prossime sfide che affronteremo in tal senso, quando cioè dovremo intercettare importanti fondi europei per la ripresa. Nello specifico, i progetti riguardano manutenzioni scolastiche, un tema a cui teniamo particolarmente per la sicurezza delle famiglie dei bambini che quotidianamente vengono ospitati dagli edifici stessi».

«La nostra amministrazione concorrerà alle spese per queste riqualificazioni con una cifra complessiva di 130mila euro – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Novella Ciceroni – È chiaro che la capacità di aver intercettato questi fondi dal Ministero, precisamente 1.235mila euro per la scuola dell’infanzia e 1.185mila euro per il nido, ci permette di realizzare opere per noi importanti con esborsi contenuti a carico della collettività».

I PROGETTI PRESENTATI A LIVELLO REGIONALE

In tutta la Lombardia verranno finanziati 40 progetti tra asili nido, scuola dell’infanzia e centri polifunzionali per un totale di circa 58 milioni.

Le candidature degli enti locali hanno riguardato per il 51,7% le scuole dell’infanzia, per il 23,9% gli asili nido, per il 17,9% i centri polifunzionali per la famiglia e per il 6,5% la riconversione di spazi delle scuole dell’infanzia attualmente inutilizzati.

L’Avviso pubblico è stato emanato congiuntamente dal Ministero dell’Istruzione e dal Ministero dell’Interno, in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il Dipartimento per le politiche della Famiglia, ed è destinato agli Enti locali. Sarà istituita una Cabina di regia per il monitoraggio dei singoli progetti presso il Dipartimento per le politiche della Famiglia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore