Quantcast

A giugno il nome del successore di don Armando: “Sarà sicuramente molto bravo … come del resto merita Saronno!”

L’addio di don Armando alla Comunità Pastorale Crocifisso Risorto di Saronno è stato ufficializzato anche sul giornale parrocchiale distribuito in occasione delle Messe domenicali

don Armando Cattaneo

L’addio di don Armando Cattaneo alla Comunità Pastorale Crocifisso Risorto di Saronno è stato ufficializzato anche sul giornale parrocchiale distribuito in occasione delle Messe domenicali.

Comunità-Pastorale-23-05-2021

Il prevosto don Armando Cattaneo lascia Saronno dopo nove anni

Il messaggio riportato sul giornale parrocchiale è il seguente:

«Don Armando termina il suo servizio pastorale a Saronno. Lunedì 17 sera il Vicario episcopale, il vescovo mons. Luca Raimondi ha convocato in prepositurale il Consiglio Pastorale della nostra Comunità “Crocifisso risorto” e il Consiglio degli Affari Economici per annunciare che mons. Armando Cattaneo il 31 agosto termina il suo servizio pastorale a Saronno dopo i nove anni fissati dalle regole diocesane che riguardano la cura delle Comunità pastorali, lasciando il posto a un suo successore che ne prosegua il cammino per altri nove anni. Don Armando risiederà in una parrocchia del centro a Milano in attesa anche che si chiariscano le sue condizioni per gli acciacchi alle gambe che lo tormentano da un po’ d’anni. Il vescovo Delpini ha già il nome del successore come prevosto a Saronno (e anche l’assenso del candidato). Il mese di giugno è tempo di nuove destinazioni per i preti: quando il quadro sarà definitivamente confermato sarà annunciato il nome. Sarà sicuramente molto bravo … come del resto merita Saronno! Nei prossimi mesi il Vicario ha chiesto al Consiglio Pastorale di preparare la transizione cordiale impegnandosi in una “memoria” che presenti al nuovo prevosto lo stato pastorale della Comunità, ed eventualmente “un ciao”, cioè una solenne giornata di saluto e ringraziamento per il lavoro generoso svolto da don Armando in questi fecondi nove anni di ministero tra noi. Il gesto di obbedienza di don Armando dice la sua libertà interiore nell’accettare un trasferimento che nel cuore gli costa molto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore