Quantcast

“Urbanismo tattico”, partecipazione e sinergia per rilanciare il quartiere Matteotti

Sabato 1 maggio la prima riunione organizzativa del gruppo di lavoro coordinato dall’amministrazione e dedicato al tema della riqualificazione dell’area del parchetto Amendola al quartiere Matteotti. Una trentina i cittadini presenti

Prima riunione organizzativa del gruppo di lavoro per il quartiere Matteotti

Si è tenuta sabato 1^ maggio la prima riunione organizzativa del gruppo di lavoro coordinato dall’amministrazione comunale e dedicato al tema della riqualificazione dell’area di Viale Amendola al quartiere Matteotti.

Il gruppo di lavoro di questo progetto di “urbanismo tattico” è guidato dal consigliere comunale Lorenzo Puzziferri e dall’Arch. Alfredo Barba, i quali, sabato mattina, nel pieno rispetto delle indicazioni circa il distanziamento e le procedure anti-COVID, hanno organizzato un incontro in Viale Amendola, dove è previsto, per il prossimo mese di giugno, il restauro della targa “Villaggio Matteotti” (1945), come segnale di ripresa dell’attività di rivitalizzazione dell’area nell’ottica della sostenibilità. Per questa ripresa, sono stati coinvolti cittadini e associazioni che operano nel quartiere: dopo la pulizia effettuata dall’Amministrazione, i primi potranno contribuire alla sistemazione degli spazi con qualche intervento di decoro urbano, le seconde con la calendarizzazione degli eventi culturali e sportivi che, a partire da giugno, verranno proposti per riportare i giovani e i residenti a riappropriarsi dell’area posta tra Viale Amendola, il parco “Il Gabbiano” di Via Fratelli Cervi e lo Skate Park di Via Leonardo da Vinci.

«I cittadini presenti rappresentavano un’ampia fascia d’età, dai 20 ai 70 anni – spiega l’assessore alla Rigenerazione Urbana, Alessandro Merlotti – segno che questi interventi riguardano tutti i residenti del quartiere. Si tratta di un progetto pilota (che può essere replicato negli altri quartieri della città), stimolato dalla nostra Amministrazione, che deve necessariamente essere poi delineato e sviluppato dai singoli cittadini e dalle associazioni, un progetto pilota sperimentato in un luogo che può tornare a essere simbolico, sotto la targa che il 10 giugno 1945 intitolava il villaggio operaio (fino ad allora “Villaggio Arnaldo Mussolini”) alla memoria di Giacomo Matteotti, nell’anniversario del suo rapimento e contestuale omicidio».

Prima riunione organizzativa del gruppo di lavoro per il quartiere Matteotti

Oltre all’assessore Merlotti, sabato mattina erano presenti anche gli assessori Novella Ciceroni e Gabriele Musarò, mentre assente per indisposizione l’assessore alla Partecipazione Franco Casali, che ha commentato con soddisfazione l’adesione all’incontro di una trentina di persone, nonostante la pioggia: «L’incontro di sabato rappresenta un primo interessante passo del percorso partecipativo che la nostra amministrazione, come da programma, vuole intraprendere con i cittadini. Ringrazio il gruppo di lavoro che Alessandro Merlotti, il consigliere Puzziferri e l’Arch. Barba, insieme ad altri cittadini, hanno portato avanti in questi mesi. Adesso che le condizioni legate alla pandemia lo consentono, andremo a incontrare di persona i cittadini nei quartieri, con l’obiettivo di ascoltarli e trovare, insieme a loro, soluzioni praticabili per le problematiche che affrontano nel quotidiano».

Il prossimo appuntamento è per sabato 8 maggio alle 10 al parco “Il Gabbiano” di Via Fratelli Cervi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore