Quantcast

25 aprile, il programma delle celebrazioni a Solaro per ricordare i caduti della Resistenza

Cerimonie in forma ridotta a causa delle restrizioni anti Covid: ecco il programma dell'amministrazione comunale per celebrare la 76esima Festa della Liberazione

Generico 2018

Domenica si celebra le 76esima Festa della Liberazione. Ecco come sarà il 25 aprile di Solaro per ricordare i caduti della Resistenza.

Appuntamento alle 9.30 con la Santa Messa in chiesa parrocchiale. A seguire, alle 11, sul canale YouTube del Comune di Solaro il corpo musicale Attilio Rucano proporrà il silenzio e l’inno nazionale, prima degli interventi del sindaco Nilde Moretti e del presidente della sezione ANPI di Solaro Marisa Giurintano con posa della corona d’alloro che avverrà simbolicamente in sala consigliare in quanto attualmente la zona del monumento alla vecchia scuola Regina Elena è area di cantiere. Chiuderà la banda intonando Bella Ciao.

All’interno delle iniziative per il 76esimo anniversario della Liberazione, la sezione locale di ANPI propone “Inciampo Stories” con la visione dei cortometraggi “Capitolo 1 – Liberi di Lavorare: storia di Egidio Bertazzoni” e “Capitolo 2 – Liberi di Comunicare: storia di Franco Rovida”.

Il viaggio racconta le storie che stanno dietro le pietre d’inciampo, particolari mattonelle che costellano le strade della città di tutta Europa ricordando le persone che con il loro impegno hanno contribuito alla resistenza e alla liberazione.

«Anche quest’anno – il commento del sindaco di Solaro Nilde Moretti – proponendo una serie di iniziative che si potranno tranquillamente seguire online attraverso i canali social del Comune, chiediamo ai nostri concittadini di esporre il tricolore sulle finestre, sui balconi, sui cancelli e nei giardini per dare un segnale forte di unità e di appartenenza alla nostra bellissima Repubblica nata sulle gesta degli eroi partigiani che lottarono per la libertà da ogni forma di totalitarismo. La festa del 25 aprile è la festa di tutti noi e da tutti noi deve essere celebrata, senza divisioni, in nome della democrazia e della libertà, valori fondanti delle nostre comunità. In particolare, rifacendomi al tema scelto quest’anno, voglia dedicarla alle donne che presero parte alla resistenza con grande eroismo. Oggi come all’epoca, c’è ancora tanto bisogno di impegno, da parte di tutti noi: impegno civico, presenza, rispetto, affinché l’Italia possa risorgere ancora più forte dopo tutte le difficoltà che la pandemia ci ha messo di fronte in quest’ultimo lunghissimo anno»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore