Quantcast

Uboldo, in Consiglio comunale si discute dei furgoni Amazon. “Situazione migliorata, monitoreremo”

Il Comandante della Polizia locale Alfredo Pontiggia ha illustrato in Consiglio comunale la situazione relativa allo stazionamento sul territorio di centinaia di furgoni che consegnato pacchi per Amazon

Generica 2020

Ad Uboldo si torna a discutere delle note problematiche correlate alle centinaia di furgoni bianchi che quotidianamente transitano e stazionano sul territorio, partendo dal vicino magazzino Amazon presente ad Origgio. Durante il Consiglio comunale di giovedì 4 marzo infatti, l’amministrazione comunale ha risposto alle domande presentate nell’interrogazione consiliare del gruppo Per Uboldo. 

È quindi intervenuto il Comandante della Polizia locale Alfredo Pontiggia che ha sottolineato che non si tratta di furgoni di proprietà di Amazon, ma di aziende terze subappaltate dal colosso americano per la consegna dei pacchi.

«È stato un lavoro molto complesso – ha spiegato Pontiggia -. All’inizio abbiamo avuto difficoltà ad interagire con queste società, perché i responsabili della logistica non avevano poteri decisionali sui vettori delle altre società e le aziende subappaltate cambiavano con una certa frequenza. Siamo riusciti poi a contattare un rappresentante Amazon che si interfacciasse con gli enti locali e lì le cose sono iniziate a cambiare».

Fin dal primo incontro con i rappresentanti del colosso della distribuzione mondiale, tenutosi lo scorso dicembre insieme al sindaco del Comune di Origgio, le richieste delle due amministrazione comunali sono state chiare: le strade e i parcheggi pubblici non devono essere utilizzati come area di scambio di merci o come luoghi di stazionamento, i driver devono attenersi alle norme del codice della strada e non devono abbandonare rifiuti sul territorio. «Amazon ci ha poi comunicato di aver provveduto a sensibilizzare tali società subappaltate, ribandendo loro l’importanza di mantenere comportamenti idonei e di non utilizzare i parcheggi pubblici per la sosta dei mezzi» ha dichiarato il Comandante della Locale.

L’ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 4 MARZO

Anche sulla questione del decoro urbano la multinazionale americana ha comunicato all’amministrazione comunale di aver preso provvedimenti: alcune aree parcheggio della zona industriale sono state ripulite, operazione che viene ripetuta ogni 15 giorni e sono stati inseriti all’interno della sede dell’azienda quindici bagni chimici e nuovi bidoni dove i driver possono smaltire i vari rifiuti.

In Consiglio è stato poi ricordato il parcheggio multipiano da 260 posti che dovrà essere realizzato di fronte alla sede Amazon da una società terza: il permesso per costruire è pronto, manca solo il saldo degli oneri di urbanizzazione al Comune di Origgio.

«Non è stato un lavoro semplice perché abbiamo dovuto davvero osservare, fotografare e filmare tutti gli atteggiamenti che questi driver avevano sul nostro territorio – ha concluso il comandante Pontiggia -. Le cose devo dire che attualmente sono notevolmente migliorate, non abbasserei la guardia perché tutto va in base alla quantità di pacchi richiesti».

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA QUESTIONE DEI FURGONI AMAZON

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore