Quantcast

Raccolta firme contro la propaganda nazi-fascista. Origgio Democratica: “C’è tempo fino al 31 marzo”

Il gruppo Origgio Democratica invita i cittadini origgesi a firmare la proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda nazista e fascista

Origgio generico

Il gruppo Origgio Democratica invita i cittadini origgesi a firmare la proposta di legge di iniziativa popolare promossa dal comitato presieduto da Maurizio Verona, sindaco di Stazzema, con l’Anagrafe Nazionale Antifascista contro la propaganda nazista e fascista. 

 

In Comune la raccolta firme contro la propaganda nazi-fascista. Tendiamo a dimenticarci facilmente del passato, soprattutto se il passato ci fa paura o ci fa riflettere su azioni che non vorremmo fossero mai successe. È una forma di difesa per credere che persone come noi non avrebbero potuto compiere azioni di tale crudeltà. Invece, l’unico modo di evitare che si ripetano le discriminazioni, le torture e le nefandezze successe durante il ventennio fascista è parlarne, ricordare e far conoscere la storia.

In questo periodo in cui, a causa della pandemia, viene obbligatoriamente limitata la possibilità di scambiarsi opinioni di persona, ci informiamo tramite i mezzi di comunicazione e i social, assorbendo a volte acriticamente quanto ci viene proposto, come se fossimo in una sorta di bolla mediatica ovattata. Più che in altri momenti, quindi, le parole costruiscono sostanza e dobbiamo occuparci di difenderci dal ritorno della propaganda nazi-fascista per mezzo di immagini e messaggi fuorvianti.

Il sindaco di Stazzema (LU) la cui frazione di Sant’Anna è stata teatro di un atto terroristico premeditato  da parte dei soldati nazisti che uccisero centinaia di persone, nell’agosto del 1944 – Maurizio Verona, ha  promosso con l’Anagrafe Nazionale Antifascista, una proposta di legge di iniziativa popolare (annunciata  sulla Gazzetta Ufficiale n. 260, del 20 ottobre 2020) che regoli le “norme contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”, prevedendo l’inserimento nel Codice Penale dell’art. 293bis, volto a sanzionare in maniera specifica la propaganda del regime fascista e nazifascista, e chiedendo di aggiungere un nuovo comma all’art. 2 della Legge Mancino, al fine di sanzionare l’esposizione di simboli riconducibili al partito fascista o nazista durante lo svolgimento di riunioni pubbliche.

Anche nel Comune di Origgio si può firmare tale proposta, recandosi presso lo sportello Anagrafe, muniti di un documento didentità in corso di validità, senza appuntamento e fino al 31 marzo. È da sempre chiara la posizione di Origgio Democratica al riguardo, e il sostegno alle diverse iniziative di carattere politico o culturale per salvaguardare la memoria e costruire coscienza. Per poter inoltrare la proposta di legge al Parlamento sarà necessario raccogliere 50mila firme, crediamo che sia un obiettivo facilmente raggiungibile, se tutti i cittadini che si riconoscono nei valori fondanti della nostra Costituzione firmeranno questa proposta, per ricordare ancora una volta ciò che non dovrà mai più accadere.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore