Quantcast

Un video racconta emozioni e paure di Filomena, infermiera dell’Ospedale di Saronno

Nel video l’infermiera legge una lettera per raccontare il proprio punto di vista e le proprie sensazioni in un momento complicato della propria vita professionale

Generica 2020

Un video per raccontare le emozioni e le paure di Filomena Ferraiuolo, una delle infermiere che lavora nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale di Saronno.

Nel video, realizzato da Laura Ferloni per un progetto universitario, l’infermiera legge una lettera per raccontare il proprio punto di vista e le proprie sensazioni in un momento complicato della propria vita professionale:

Era il 19 marzo. Pomeriggio. Inizio il turno con la testa piena di mille preoccupazioni. Il mio cuore si divide tra casa, dove mia mamma è in un letto al termine della propria vita, e il reparto dove come al solito in questo periodo siamo pieni di pazienti complicati. Prendo consegne. Mi bardo con precisione ed attenzione come oramai ho imparato a fare. Entro nel box del paziente che, per fortuna va bene. E’ in respiro spontaneo e parla. Fa i capricci, non vuole collaborare. Allora gli prometto, in cambio della sua collaborazione, una videochiamata con la sua famiglia che non vede da tempo. Si illumina e, dopo aver assolto a tutti i suoi piccoli “doveri” di bravo paziente, ci prepariamo per la video chiamata. Saronno chiama Bergamo. Il telefono squilla e sul video compare il viso della moglie che eccitata e piena di gioia chiama a raccolta tutti e due i figli di quest’uomo. Scorrono tante lacrime di felicità, parole di conforto e promesse di ritrovarsi presto insieme. Poi, al termine di tutto, il paziente e la moglie mi ringraziano. Oggi è la festa del papà e i figli, che non speravano di poter vedere il loro padre, sono felicissimi. Siamo tutti più felici in mezzo a questo mare di brutte notizie. Accidenti, mi commuovo. Le lacrime scendono anche dai miei occhi ma non posso piangere. Se piango mi si appannano gli occhiali e devo uscire, svestirmi e rivestirmi perché mi strofinerei il viso. Penso a mia mamma a casa ed in fin di vita. Penso a questa famiglia riunita anche solo per cinque minuti. Penso a me e penso di essere stanca, spesso triste, a volte disarmata e sempre preoccupata per la mia famiglia. Ho capito che la giornata di oggi mi ha regalato un momento di felicità. Domani, sono sicura, andrò ancora ed ostinatamente alla ricerca di questo momento di felicità che rende le mie giornate degne di essere vissute.

Oggi è il 26 ottobre. Dopo qualche mese di relativa calma mi ritrovo ancora nella situazione che ho descritto. Mia mamma non c’è più. Io ricomincio come tre mesi fa a vestirmi da astronauta e faccio il mio lavoro. La differenza? Sono stanca come molti dei miei colleghi. Sono arrabbiata. Sento commenti negazionisti dappertutto. Vorrei solo che quelle poche regole che abbiamo imparato in quei giorni fossero state rispettate in questi mesi di quiete prima della tempesta. Forse ora non saremmo in questa situazione. Forse oggi io non dovrei ancora vestirmi così.

Filomena

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore