Quantcast

Gli otto negozi della provincia di Varese che hanno attraversato due secoli di storia

Il primato spetta alle farmacie, ben tre. Sul podio più alto per anzianità c'è la Farmacia Giardini di Sesto Calende che fu aperta nel 1830. In tutta la provincia le attività storiche riconosciute sono 119

Generica 2020

Ad oggi sono 2.118 le attività storiche riconosciute da Regione Lombardia, di queste 119 sono in provincia di Varese. Il primato spetta a Busto Arsizio con 45 attività riconosciute, a seguire Varese con 17 e Gallarate con 13. Negozi storici sono disseminati un po’ su tutto il territorio, in 33 comuni per la precisione, da Besozzo a Saronno, da Angera a Sesto Calende, passando per Tradate, Vergiate e Travedona di Monate.

Otto di queste attività hanno attraversato due secoli di storia. Stiamo parlando del Bar Ur grupp di Brinzio aperto nel 1874, l’emporio Molino Barzago di Cunardo 1891, l’Ottica Velati di Gallarate  datata 1894, la Pasticceria Veniani di Gavirate che aprì i battenti nel 1875. Le restanti tre sono tutte farmacie e sono le più antiche del folto gruppo. Sul podio più alto per anzianità c’è la Farmacia Giardini di Sesto Calende che fu aperta nel 1830, a seguire la Farmacia Dahò Minoli di Gallarate fondata nel 1848 e la Farmacia Corti di Travedona di Monate istituita nel 1856.

Dal gennaio del 2020 sono 353 le nuove attività storiche riconosciute da Regione Lombardia: si tratta di 183 negozi storici, 108 locali storici e 62 botteghe artigiane storiche, caratterizzate dalla continuità nel tempo, per almeno 40 anni, della gestione, dell’insegna e della merceologia offerta, e da altri fattori, quali la collocazione in strutture di pregio e la conservazione di arredi e attrezzature storici.
«Quest’anno  – spiega l’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli – non potremo svolgere il nostro consueto evento di premiazione delle nuove attività storiche di Regione Lombardia. Ma nonostante tutto quello che stiamo vivendo, dobbiamo riconoscere il loro valore, il loro peso nel sistema economico, culturale e sociale».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore