Quantcast

Auguri a Saronno, città da 60 anni

L'allora sindaco Francesco Ceriani chiese al Presidente della Repubblica italiana la concessione del titolo di città, che venne conferito a Saronno il 15 ottobre 1960

Saronno, una catena umana per la pace e la fratellanza

Lo scorso 15 ottobre Saronno ha compiuto 60 anni da Città. 

Il titolo gli venne conferito con Decreto del Presidente della Repubblica il 15 ottobre 1960. A firmare il decreto di concessione furono Giovanni Gronchi, allora presidente della Repubblica e Amintore Fanfani, presidente del Consiglio dei ministri, nomi che siamo soliti leggere sui libri di storia.

Alla fine degli Anni ’50 Saronno era una comunità fiorente che si apprestava a vivere localmente il cosiddetto “boom economico italiano“. In quel periodo non solo molte delle imprese esistenti estesero la propria produttività, ma vi fu anche un consistente incremento di nuovi stabilimenti industriali. Erano insomma gli anni delle grandi imprese che hanno reso Saronno celebre in Italia e nel mondo, come l’I.L.L.V.A – industria liquori, la Parma Antonio e figli – casseforti, la D. Lazzaroni & C. Saronno e la Giulio Gianetti spa. L’occupazione raggiunge livelli eccezionali. L’ampia disponibilità di posti di lavoro comportò una vasta ondata di immigrazione, in particolare dal Veneto e dal mezzogiorno, con un conseguente aumento della popolazione che nel 1961 superò quota 25 mila abitanti.

Nel 1960 l’allora sindaco di Saronno Francesco Ceriani, supportato da un gruppo di industriali locali, inviò formalmente al Presidente della Repubblica la richiesta di concessione. La fiorente industria, l’elevato numero degli abitanti e del reddito pro capite, furono tutti elementi che favorirono la concessione del titolo.

Tanti auguri Saronno!

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore