Quantcast

“Che paura che fa Airoldi”: la risposta ironica ai messaggi del centrodestra

La coalizione che sostiene Fagioli ha cominciato a diffondere messaggi sui social con scenari di immigrazione clandestina, droga, criminalità se vincerà Airoldi: dal centrosinistra hanno reagito con un nuovo profilo Instagram basato sull'ironia e la satira

Generico 2018

Non solo “Le bimbe di Fagio”, la satira politica in questa campagna elettorale a Saronno ha un altro profilo, appena nato a poche ore dal ballottaggio tra Augusto Airoldi e Alessandro Fagioli.

È stato creato “Che paura che fa Airoldi”, una serie di foto su sfondo arancione col faccione del candidato sindaco del centrosinistra accompagnato da frasi ironiche, sulla scia delle uscite del centrodestra, dal ritorno dell’immigrazione clandestina all’invasione di pusher, dal ritorno dei famigerati 30 all’ora fino all’ipotesi di una Saronno piena di richiedenti asilo ospitati dalla giunta di sinistra. Il centrodestra ha dato il via a questo tipo di messaggi sul finale di una campagna elettorale lunga e a tratti molto tesa.

Dall’altra parte hanno deciso di rispondere con ironia: ecco quindi che nasce il profilo “Che paura che fa Airoldi”. Così ecco Airoldi sindaco che finisce le brioches al bar, le monete del carrello che si incastrano da quando Airoldi è sindaco, il muro dei Frati che crolla del tutto con lui primo cittadino, Airoldi che si mangia tutti gli amaretti della città e così via.

QUI IL PROFILO INSTAGRAM “CHE PAURA CHE FA AIROLDI”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore