Quantcast

Obiettivo Saronno aderisce all’appello per l’ospedale di Saronno

La candidata sindaca per la lista civica Obiettivo Saronno Novella Ciceroni risponde all’appello lanciato da Calzeroni, candidato sindaco dei “Democratici per Turate” in merito all’ospedale di Saronno

Generico 2018

La candidata sindaca per la lista civica Obiettivo Saronno Novella Ciceroni risponde all’appello lanciato da Calzeroni, candidato sindaco dei “Democratici per Turate” in merito all’ospedale di Saronno

La situazione in cui versa l’ospedale di Saronno è preoccupante: lo era prima dell’emergenza COVID-19, quando già si evidenziavano problematiche relative alla carenza di medici, di personale e di strumentazioni all’avanguardia; lo è diventata ancora di più ora, a emergenza sanitaria sotto controllo, dal momento che molti dei reparti trasferiti a Busto e a Gallarate per far posto ai reparti COVID non sono rientrati a Saronno. Se a un ospedale vengono a mancare alcuni reparti, elencati nel Decreto Ministeriale n.70 del 2015, esso perde le caratteristiche di Presidio Ospedaliero di Livello 1 e pensare a un declassamento dell’ospedale viene spontaneo.

Per questo motivo, come candidata Sindaco a Saronno per la lista civica indipendente Obiettivo Saronno, dichiaro la mia completa adesione all’appello e al patto proposto dal candidato Sindaco a Turate Calzeroni al fine di costituire, dopo le elezioni, un comitato istituzionale tra tutti i Sindaci del saronnese per salvaguardare e rilanciare l’Ospedale di Saronno e potenziare i servizi socio-sanitari nel territorio.

Ma voglio dire di più: la mia squadra ed io, in seguito a una richiesta di aiuto da parte delle ostetriche dell’ospedale di Saronno, trasferite a Busto Arsizio durante l’emergenza Covid-19 e, ad oggi, non ancora rientrate, abbiamo organizzato una petizione per chiedere che l’ospedale rimanga un presidio ospedaliero di primo livello ai sensi del Decreto Ministeriale n.70 del 2015.
Lo scopo di questa importante iniziativa, unica nella storia cittadina recente e forse anche passata, è far sentire con forza la voce dei cittadini e la petizione è uno strumento giuridico utile per esprimere una richiesta alle Istituzioni competenti in materia.
Ad Ottobre il nuovo Sindaco di Saronno, forte delle firme raccolte che riceverà personalmente, potrà portare le istanze dei cittadini saronnesi e non saronnesi, in Regione Lombardia, l’organo istituzionale competente a decidere per il nostro Ospedale.
Se sarò io il Sindaco di Saronno, mi impegno a mettere tutte le firme raccolte a disposizione del comitato istituzionale tra tutti i Sindaci del saronnese che il candidato Sindaco per Turate Calzeroni propone di costituire e di sottoscrivere questo impegno nel citato patto pre-elezioni.

Sento a questo punto ancora forte la spinta a rinnovare l’invito a tutti i candidati Sindaco a Saronno di aderire alla petizione che hanno finora disdegnato preferendo essere contro l’iniziativa dell’avversario piuttosto che essere a favore della salvaguardia del bene dei cittadini.
Lancio, infine, un appello al candidato Sindaco per Turate Calzeroni e a tutti i Sindaci e ai candidati Sindaco dei comuni limitrofi quali Caronno Pertusella, Ceriano Laghetto, Cislago, Gerenzano, Origgio, Solaro, Turate e Uboldo, i cui cittadini stanno testimoniando, con le loro firme, quanto sia sentita da tutti la rilevanza del diritto di tutela della propria salute, di venire loro stessi a firmare la petizione, dando prova di voler operare per il bene comune, al di là delle appartenenze politiche.

Questo il testo integrale della petizione che vi invitiamo a firmare.

Considerato il bacino di utenza dell’ospedale di Saronno, e considerata l’ubicazione strategica e naturalmente collocata a presidiare un considerevole comprensorio di comuni, di fatto ponendosi come presidio ospedaliero geograficamente equidistante o più vicino rispetto alle sedi ospedaliere di Busto Arsizio e di Gallarate, per ampia parte delle comunità del bacino della ASST della Valle Olona tra cui i comuni di Caronno Pertusella, Ceriano Laghetto, Cislago, Gerenzano, Origgio, Solaro, Turate e Uboldo, si chiede che l’Ospedale di Saronno sia mantenuto quale Dipartimento di Emergenza Accettazione (DEA) di I Livello (Primo Livello) ai sensi del Decreto ministeriale del 2 Aprile 2015 n 70, dotato quindi delle seguenti specialità: Medicina Interna, Chirurgia Generale, Anestesia e Rianimazione, Ortopedia e Traumatologia, Ostetricia e Ginecologia, Pediatria, Cardiologia con Unità di Terapia Intensiva Cardiologica (U.T.I.C.), Neurologia, Psichiatria, Oncologia, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Urologia, con servizio medico di guardia attiva e/o di reperibilità oppure in rete per le patologie che la prevedono, i Servizi di Radiologia almeno con Tomografia assiale computerizzata (T.A.C.) ed Ecografia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale e inoltre dotato di letti di “Osservazione Breve Intensiva” e di letti per la Terapia Subintensiva.

Le firme sono raccolte su tre diversi fogli, uno indirizzato al Sindaco di Saronno, uno alla ASST Valle Olona e uno alla Regione Lombardia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore