Quantcast

Ceolin (Origgio 2020) si candida per affrontare i problemi del paese

La lista civica Origgio 2020 sosterrà il candidato sindaco Daniele Ceolin alle elezioni amministrative che si terranno il prossimo 20 e 21 settembre

Daniele Ceolin

Origgio ha il primo candidato sindaco. La lista civica Origgio 2020, di recentissima formazione, sosterrà infatti Daniele Ceolin alla guida del paese alle elezioni amministrative che si terranno il prossimo 20 e 21 settembre.

Classe 1986, Ceolin vive ad Origgio da sempre. Non è un volto nuovo della politica origgese: già consigliere comunale eletto nel 2015 nella lista “Promuovere Origgio  – Ceriani Sindaco”, diede poi le dimissioni nel 2019 . «Il consigliere comunale deve sentire i problemi che manifesta la gente e portali all’attenzione dell’amministrazione, che decide il da farsi – commenta Ceolin sulla propria esperienza in Consiglio comunale – In quattro anni ho provato a manifestare alcune problematiche, ma non sono stato ascoltato».

I numeri legali per poter presentare la lista alle elezioni ci sono, ma il gruppo è tutt’ora alla ricerca di persone che vogliano dare il proprio contributo per il paese: «Si fa fatica a trovare persone che vogliano mettersi in gioco – commenta il candidato sindaco -. Quando ho iniziato a fare politica l’ho fatto perché se uno vuole vedere risolti i problemi deve mettercisi di persona, è inutile continuare a delegare. Nella mia piccola carriera da consigliere comunale ho cercato di risolvere qualche problema, qualche volta ce l’ho fatta qualche volta no».

A poco meno di 60 giorni dalle elezioni non è ancora chiaro quali siano gli altri candidati sindaco ad Origgio. La lista Origgio Democratica dovrebbe presentare a giorni il proprio candidato sindaco, mentre non è garantito che il centrodestra si presenterà unito alle elezioni. «Il listone di destra mi fa un po’ storcere il naso, perché è formato da persone che non si sono mai potute vedere – commenta Ceolin – Dimenticare quello che è stato fino ad adesso e far finta di nulla mi sembra veramente un po’ imbarazzante per chi lo sta facendo. L’unica cosa che mi viene in mente è che per una cadrega si fa di tutto. Vedere il paese consegnato a queste persone che mandato giù bocconi amari per la poltrona mi sembra un po’ triste».

A prescindere dalle decisioni delle altre liste Origgio 2020 dichiara di non essere disposta a fare alleanze con nessun gruppo: «Andiamo avanti per i fatti nostri – spiega Ceolin – I numeri legali li abbiamo, sarà poi la gente a valutare cosa è stato fatto fino ad adesso e a votare».

Per quanto riguarda il programma elettorale il candito sindaco ha ribadito più volte che quello di Origgio 2020 non sarà un “libretto dei sogni”: pochi punti programmatici che verranno realizzati nei cinque anni di governo. Tra questi vi è il miglioramento del sistema di video-sorveglianza del paese, la realizzazione di una casa delle associazioni, la messa in sicurezza delle piste ciclabili, l’istituzione in Consiglio comunale di un question time dove i cittadini possano interloquire direttamente con l’amministrazione e la chiusura della convenzione dei vigili con Uboldo. Su quest’ultimo punto Ceolin commenta: «L’ho votata quando ero in Consiglio comunale, ma ai tempi si pensava a qualcosa che andasse a migliorare il servizio, invece oggi si lamentano sia i cittadini di Origgio che quelli di Uboldo, quindi evidentemente questa situazione non è così efficiente. Il numero degli agenti è lo stesso ma con il doppio del territorio da sorvegliare». Un altro punto che farà parte del programma di Origgio 2020 è relativo al Parco dei Mughetti: «In quell’area c’è un problema di spaccio, che probabilmente non viene risolto o non si vuole risolvere – dichiara il candidato sindaco – Non vogliamo che quell’area diventi il boschetto della droga, bisogna agire finché c’è tempo. Bisogna dare un messaggio alla cittadinanza».

Nessuna anticipazione sui nomi che compongono la lista elettorale, ma il candidato sindaco assicura: «Sarà una lista civica con persone totalmente estranee e nuove alla politica e che hanno un’estrazione politica differente – conclude Ceolin – Cercherò il più possibile il confronto con i membri della mia squadra; sono persone valide che porteranno un valore aggiunto e che si metteranno a disposizione per risolvere i problemi del paese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore