Quantcast

Favino vince ai Nastri d’Argento e ringrazia i truccatori di “Hammamet”

Miglior attore nella 75esima edizione del premio, Favino ha dedicato la vittoria al regista Gianni Amelio e ha ricordato il grande lavoro della squadra di truccatori guidata da Andrea Leanza e Federica Castelli

Pierfrancesco Favino si trasforma in Craxi

Pierfrancesco Favino vince il premio di miglior attore protagonista alla 75ª edizione dei Nastri d’argento per il suo ruolo in “Hammamet” e dedica la vittoria ai suoi truccatori, Andrea Leanza e Federica Castelli, oltre che al regista del film, Gianni Amelio.

Galleria fotografica

Nel laboratorio di Andrea Leanza, il "truccatore speciale" di Hammamet 4 di 11

Il premio, assegnato all’attore romano nella cerimonia dello scorso 6 luglio condotta dalla moglie, l’attrice Anna Ferzetti (simpatico e tenero il bacio sul palco), ha quindi anche un risvolto saronnese.

Per trasformare Favino in Bettino Craxi infatti sono state necessarie ore e ore di trucco, per ogni giorno di ripresa. «Siamo stati impegnati sul set per 39 giorni, più 5 di provini. Prima abbiamo lavorato qui in laboratorio (a Saronno, negli del Must in via Antici, nei sotterranei della scuola Ignoto Militi) per poi trasferirci a Legnano dove si sono girate le prime scene, poi in Tunisia, ad Hammamet, a casa di Craxi – ha spiegato Leanza a SaronnoNews -. Ogni mattina servivano almeno 4 ore di trucco: si cominciava dai capelli di Favino, incollati con un gel molto forte; poi si posizionava la sottocalotta, si incollavamo le protesi, il collo, il naso, il labbro superiore, i lobi delle orecchie, le guance, il mento, il labbro inferiore, la testa e le palpebre. Infine, dopo il turno del parrucchiere, si posizionavano le sopracciglia. Abbiamo creato più di 500 pezzi in tutto tra set, scarti e test. Un lavoro impegnativo, fisico, ma anche mentale: serve grande concentrazione e precisione».

Favino ha ringraziato le troupe tunisina ed italiana che hanno lavorato con lui e con il gruppo di attori, i truccatori e il regista Gianni Amelio che ha avuto l’intuizione di sceglierlo per il ruolo di Bettino Craxi, diversissimo fisicamente dall’attore, letteralmente trasformato dal gruppo di lavoro guidato da Andrea Leanza e Federica Castelli che ha nel laboratorio di Saronno il proprio “nido”.

LA PREMIAZIONE AI NASTRI D’ARGENTO 2020

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Luglio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Nel laboratorio di Andrea Leanza, il "truccatore speciale" di Hammamet 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore