Quantcast

Il Partito Democratico sostiene Airoldi: “Persona seria e competente. La città deve ripartire”

A sostenere la candidatura di Augusto Airoldi a sindaco di Saronno erano presenti questa mattina, sabato 20 giugno, i vertici regionali e provinciali del Partito Democratico. L’incontro si è svolto nella sede del comitato elettorale a pochi passi da piazza Libertà

Conferenza stampa Augusto Airoldi Sindaco

A sostenere la candidatura di Augusto Airoldi a sindaco di Saronno erano presenti questa mattina, sabato 20 giugno, i vertici regionali e provinciali del Partito Democratico. L’incontro si è svolto nella sede del comitato elettorale, a pochi passi da piazza Libertà. La lista civica Augusto Airoldi Sindaco è quindi sostenuta dalla lista che porta il nome del candidato sindaco, dalla storica lista Tu@ Saronno guidata da Franco Casali e dal Partito Democratico di Saronno.

Galleria fotografica

Conferenza stampa Augusto Airoldi Sindaco 4 di 19

Ad aprire l’incontro è stato Mauro Lattuada, segretario del Pd saronnese, che ha ribadito la fiducia e la stima di tutto il gruppo nei confronti di Airoldi: «Pensiamo che Augusto sia la persona giusta, capace e competente per affrontare questa difficile tornata elettorale. Riponiamo in lui la massima fiducia perché lo consideriamo una persona seria ed onesta, capace di mantenere la barra dritta anche in situazioni difficili. Welfare, famiglia e ambiente sono i principali temi che vogliamo portare avanti insieme ad Augusto».

Ha preso parola poi il segretario regionale del Pd, Vinicio Lettuccio che ha parlato dell’importanza della collaborazione tra amministratori di diverse città e amministratori regionali e nazionali. «In questi tempi così straordinari, si è vista veramente la differenza tra gli amministratori – ha commentato il segretario regionale –  non tutti i sindaci hanno affrontato l’emergenza nello stesso modo, non tutti sono stati disponibili ad un confronto aperto e continuo con la cittadinanza. Purtroppo, non tutti i sindaci si sono tirati su le maniche e hanno fatto sentire la voce della propria comunità in regione quando le cose non andavano. Hanno fatto finta che tutto andasse bene solo perché a guidare la regione c’è il loro stesso partito. Questo non va bene».

Lettuccio ha parlato delle fondamentali competenze che servono ad un amministratore per poter guidare al meglio la comunità e ha portato gli esempi di buone amministrazioni locali come quelle di Milano, Varese, Brescia, Cremona: «È cruciale saper amministrare e aver le competenze per farlo. C’è bisogno di competenze, in campo sanitario, in campo amministrativo, in campo sociale. Devi essere in grado di costruire un sistema di relazioni, devi riuscire ad introdurre degli elementi di innovazione. È questo che noi vogliamo immettere in queste elezioni amministrative. Vogliamo portare qui degli esempi di buone amministrazioni, di buoni amministratori, perché è fondamentale per noi la credibilità del nostro programma elettorale».

Non sono mancati riferimenti e critiche a come Regione Lombardia e Ats Insubria hanno gestito l’emergenza sanitaria: «La sanità lombarda è stata raccontata in tutti questi anni come un’eccellenza, ma a dispetto di come ce la vogliono raccontare il dato oggettivo è che il sistema sanitario lombardo nel suo complesso non ha retto all’impatto della pandemia. Uno dei motivi per il quale non ha retto è che quando è stata fatta la riforma Maroni, la medicina territoriale è stata completamente smantellata. Infatti la differenza tra la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto è stata proprio la medicina territoriale e questo noi vogliamo cambiare. Vogliamo cambiare la legge numero 23. Ma per riscriverla ci vuole la voce delle amministrazioni locali, dei territori. E per questo ci vogliono amministratori che facciamo sentire la voce delle proprie comunità, non esiste che poiché sono dello stesso colore politico allora fanno finta che vada tutto bene».

Ha concluso l’incontro il candidato sindaco Augusto Airoldi: «Oggi siamo a 90 giorni dalle elezioni. Dovremo usare il mese di luglio per fare una campagna elettorale il più presente possibile nella città. Cercheremo di incontrare i cittadini nei quartieri, perché una campagna elettorale solamente virtuale non è nelle corde del centrosinistra. Pur distanziati, faremo di tutto per incontrare i cittadini».

Uno degli slogan della lista è “Ripartiamo insieme”: «Vuol dire che non ci interessa una politica dove c’è chi sta dentro il palazzo e poi fuori c’è il cittadino, cosa che purtroppo è successo a Saronno – spiega Airoldi –  Abbiamo avuto una amministrazione che si è barricata dentro il palazzo dopo aver annunciato che ci sarebbero stati 1200 morti».

Il centrosinistra si presenta unito a questa tornata elettorale e Airoldi non esclude ulteriori collaborazioni con partiti che vogliano mettersi in gioco insieme alla sua squadra. Il gruppo ha infine espresso l’intenzione di collaborare anche con altri amministratori locali, regionali e nazionali: «Abbiamo elaborato una serie di linee programmatiche che nelle prossime settimane presenteremo ai cittadini – dichiara Airoldi – Una delle cose che faremo è cercare di lavorare insieme alle amministrazioni delle città vicine, a prescindere dal colore politico, perché Saronno è un snodo fondamentale che sta al centro di quattro province, isolarla sarebbe una follia. Collaboreremo anche con i parlamentari del partito democratico, sia italiani che europei. L’Unione Europea ha annunciato un piano di finanziamento molto generoso per progetti che siano sostenibili e l’ambientalismo è uno dei nostri pilastri programmatici. Avere dei parlamentari europei con cui potersi confrontare è fondamentale, perché andremo incontro ad un periodo dove le risorse saranno scarsissime e serviranno certamente nuove proposte per poter accedere a finanziamenti che arrivano dalla regione, dallo Stato o dall’Ue. È un vantaggio che vorremo sfruttare».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Giugno 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Conferenza stampa Augusto Airoldi Sindaco 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore