Quantcast

Pd: “Nessuno tocchi l’ospedale di Saronno”

Anche il Partito Democratico di Saronno si inserisce nel dibattito sul futuro dell’ospedale cittadino e sul ruolo che medici, infermieri e operatori sanitari hanno svolto nei mesi di emergenza sanitaria

I militari della base Nato di Solbiate Olona impegnati nella sanificazione dell'ospedale di Saronno

Anche il Partito Democratico di Saronno si inserisce nel dibattito sul futuro dell’ospedale cittadino e sul ruolo che medici, infermieri e operatori sanitari hanno svolto nei mesi di emergenza sanitaria

TUTTI I COMMENTI SULL’OSPEDALE DI SARONNO

In riferimento ai nuovi fatti accaduti all’Ospedale di Saronno e a quelli precedenti, come PD cittadino, sentiamo il dovere di esprimere vicinanza e solidarietà a tutti i dipendenti, impegnati oggi come prima a svolgere il loro dovere onestamente e con competenza. Tali lavoratori, ne siamo certi, sono la maggioranza; lo sappiamo perché vediamo l’attenzione e la gentilezza con cui accolgono e curano noi e i nostri cari quando ne abbiamo bisogno e non sarà certo questo nuovo episodio nel reparto farmacia a farci cambiare idea.

Oggi cogliamo pertanto l’occasione di stringerci ancor più al nostro ospedale. Il PD sta conducendo da tempo una battaglia in prima linea per mantenere tutti i servizi dell’Ospedale nella nostra città. Un percorso ricco di incontri aperti coi cittadini e con le varie associazioni.

Non è certo mancata al PD la ferma determinazione di opporsi a smantellamento e depotenziamento del nostro Ospedale. La gestione sanitaria di REGIONE LOMBARDIA in periodo COVID non è stata all’altezza, sono di fatto emerse le pecche di un sistema destinato a produrre il declino della sanità pubblica a vantaggio di quella privata. Un disegno già in corso da tempo a cui ci opponiamo e ci opporremo. Il nostro Ospedale, in quest’ottica di razionalizzazione dei costi, ne pagherebbe senz’altro le conseguenze, magari a vantaggio dei presidi Ospedali di Busto/Gallarate, anch’essi determinati nella difesa delle loro posizioni. Non vogliamo certo ridurci a una guerra di sopravvivenza tra ospedali vicini, per questo ci batteremo con forza perché la sanità, bene primario tutelato dalla nostra costituzione, non solo non venga toccata ma venga potenziata per il bene di tutti. Non vogliamo tagli ma più investimenti: più posti letto, più medici e infermieri, più ambulatori e medicina di prossimità sul territorio. In poche parole più sanità pubblica, più diritti. E con essi tenerci stretto il nostro Ospedale.

PD Saronno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore