Uboldo celebra il 74° anniversario della Repubblica italiana

Anche Uboldo ha celebrato il 74° anniversario della Repubblica italiana, istituita nel 1946 in seguito al referendum istituzionale

Generico 2018

Anche Uboldo ha celebrato il 74° anniversario della Repubblica italiana, istituita nel 1946 in seguito al referendum istituzionale. Alle ore 11 di fronte al Municipio del paese e con la presenza del sindaco Luigi Clerici e dei rappresentanti delle Forze armate si è tenuto l’alzabandiera.

Di seguito riportiamo il discorso tenuto dal sindaco Clerici:

Care concittadine, cari concittadini, autorità militari, civili e, rappresentanti delle associazioni,

In questo giorno, festa Nazionale della Repubblica, il mio pensiero, in questo periodo particolare di emergenza, va a tutta la comunità uboldese, popolo onesto e laborioso che ha saputo resistere cedendo parte di una libertà personale conquistata pur di sconfiggere ed arginare il male giunto in modo inaspettato.

Il minuto di silenzio è dovuto quale cordoglio di tutta la nostra comunità e delle istituzioni per i concittadini morti per coronavirus, Uboldo piange i suoi cittadini defunti a causa dell’epidemia

Oggi quindi la ricorrenza della festa della Repubblica non rappresenta solo un momento storico, ma deve essere ricordato come una vittoria da una condizione umiliata ad un momento di presa di responsabilità del proprio destino

Tutti oggi più che mai siamo chiamati a metterci al servizio della comunità nella costruzione del bene comune devastato dalla pandemia. Solo mettendoci al servizio dei valori più alti e nobili che stanno alla base del benessere comune, realizzeremo a pieno gli intenti della nostra Costituzione e renderemo onore ai sacrifici che i nostri padri hanno dovuto affrontare. Solo così, incarnando quotidianamente questi valori, questo giorno può davvero essere un momento di festa e di condivisione degli ideali repubblicani.

Viva la Repubblica, viva l’Italia, Viva la nostra Uboldo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore