Saronno, Tari posticipata a fine anno

Votato il dilazionamento della tassa sui rifiuti: prima rata a dicembre, le due successive nel 2021. Panoramica sui contributi ricevuti in periodo di emergenza Covid

tasse

Consiglio comunale a tutto bilancio a Saronno.

Per quanto riguarda il rinvio della scadenza degli avvisi di pagamento Tari anno 2020 per favorire i cittadini a fronte dell’emergenza Covid-19, si è deciso di spostare il pagamento della prima rata a fine anno, mentre le altre due sono spostate nel 2021, con la dilatazione del tempo di pagamento.

Tra le proposte delle minoranze, il consigliere Indelicato (seguito da Licata, Riva e Casali) ha chiesto di dare la possibilità ai cittadini di scegliere quando pagare, mentre Gilardoni, Licata e Vanzulli hanno chiesto di elaborare piani di più ampio respiro per aiutare i cittadini in questo momento. Banfi (allontanato dall’aula virtuale in chisura di seduta) ha portato l’esempio di altri Comuni, come Gallarate, che hanno in essere provvedimenti più sostanziali. Borghi ha ricordato che è solo un primo passo per aiutare i cittadini, con l’augurio che la situazione migliori e che lo Stato aiuti maggiormente i cittadini. Il sindaco Fagioli ha chiosato ricordando che già a marzo alcuni pagamenti erano stati spostati: «Stiamo facendo scelte oculate per salvaguardare il bilancio e le casse comunali. Questo è un provvedimento che va nell’ottica di dare un aiuto in un momento complesso, per dare un po’ di respiro ai cittadini, in attesa che lo Stato dia i fondi promessi alle amministrazioni comunali».

È stata poi ratificata la variazione al Bilancio di previsione 2020/2022, derivante da contributi regionali e statali che vanno a rimpinguare capitoli che riguardano in particolare il sociale. Sono stati spesi 48 mila euro stanziati per comprare i dispositivi di protezione individuale (mascherine, barriere, igienizzanti) per dipendenti e persone che frequentano il Comune, arrivati con il Fondo Cura Italia.

Tra i fondi arrivati, ci sono due bandi da 160 mila euro da Regione Lombardia nel pacchetto famiglia, erogati al distretto di cui Saronno è capofila: sono arrivate 400 domande per i contributi per l’e-learning e 400 domande per il sostegno alle famiglie.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore