Quantcast

Saronno, punto della situazione su contagio, pacchi alimentari, Focris e mascherine

Il sindaco Alessandro Fagioli in diretta su Radio Orizzonti ha analizzato vari aspetti della situzione, dal numero di contagi e decessi fino alla situazione della Rsa Focris

Saronno, strade vuote e piazze deserte

Intervento a tutto tondo del sindaco di Saronno Alessandro Fagioli in diretta sulla radio comunitaria saronnese Radio Orizzonti.

Il primo cittadino ha parlato del contagio, fornendo alcuni dai, ma anche di Rsa, di mascherine, di pacchi alimentari e del 25 aprile.

CORONAVIRUSSono 20 i decessi di cittadini saronnesi a causa del contagio da coronavirus. In tutti i contagiati sono 142, con 11 guariti. Alle famiglie delle persone decedute sono andate le condoglianze del sindaco Fagioli.

FOCRIS – Fagioli ha anche incontrato i vertici della Rsa intercomunale Focris, il direttore generale Fausto Forti e il presidente Daniele Etro. Al sindaco è stata consegnata una relazione, che dovrà essere integrata, con i dati disponibili al 23 aprile: «Dalla struttura le informazioni sono sempre state date, ai parenti degli ospiti come alle istituzioni – spiega il primo cittadino saronnese -. Ad oggi, da metà febbraio, da quello che mi hanno messo nero su bianco risultano 3 decessi da Covid e 4 con sospetti, persone a cui non è stato fatto il tampone, più altre 15 persone scomparse per cause non riconducibili al virus. Ci sono anche 8 persone guarite da sintomi sospetti. Ho chiesto un’integrazione della relazione per chiarire cosa è stato messo in campo per fronteggiare l’emergenza nei dettagli. Anche in relazione al “virusotto” mi assicurano che è stato fatto stando attenti alle distanze e con personale volontario impiegato nella sala comune. Il contagio gira e c’è da stare attenti, ma non è il caso di mettere alla gogna una struttura che lavora in maniera seria».

PACCHI ALIMENTARI – Sono più di 500 le richieste pervenute ai Servizi Sociali e in questi giorni è partita la distribuzione di tutte e tre le realtà coinvolte dall’amministrazione comunale, vale a dire CRI Comitato di Saronno, Banco Alimentare ‘Stefano Marzorati’ e Casa di Marta tramite Emporio della solidarietà gestito dalla Cooperativa Intrecci. Casa di Marta ha già avviato distribuzione e ritiro, la Croce Rossa ha già distribuito un centinaio di pacchi e nei prossimi giorni terminerà il lavoro e anche il Banco Alimentare ha avviato le operazioni: «Un altro ringraziamento ai volontari e alle associazioni per quello che fanno durante l’anno e in questo momento di particolare emergenza – commenta Fagioli -. C’è anche da sottolineare l’attenzione dei cittadini, alcuni dei quali, beneficiari dell’aiuto ma che sono riusciti a tamponare la situazione d’emergenza, hanno rinunciato al pacco per destinarlo a chi ne ha maggiormente bisogno, un gesto di grande attenzione e solidarietà».

MASCHERINE – Le 10200 mascherine assegnate dalla Regione Lombardia non sono ancora del tutto esaurite: «Siamo in contatto diretto con le farmacie e teniamo monitorata la situazione – spiega Fagioli -. Ne sono arrivate altre 12 mila destinate dalla Regione: le abbiamo portate ai medici di base (chi ne avesse bisogno le può richiedere al Comune) e alle famiglie in osservazione o in quarantena per evitare contagi in famiglia. Ne arriveranno altre nei prossimi giorni. Le daremo anche alle organizzazioni solidali da mettere nei pacchi alimentari per chi ne ha bisogno. Il Comune ne ha acquistate 10 mila da dare ai dipendenti in vista della ripresa».

FONDI PER LE OPERE PUBBLICHE – La notizia dei 700 mila euro in arrivo da Regione Lombardia da utilizzare per opere pubbliche è stata molto apprezzata dall’amministrazione comunale saronnese: «Visto il momento, è una boccata di ossigeno. Possiamo mettere in campo tanti lavori utili per i cittadini, rimettendo in circolo denaro. Stiamo sentendo la Regione per capire bene come utilizzarli e come gestirli».

25 APRILE – Sarà una cerimonia in forma limitata. Sarà il primo cittadino a posizionare le corone di fiori davanti ai monumenti cittadini: «Evitare gli assembramenti è importante anche in questa occasione. Celebreremo la ricorrenza, ma in forma “limitata”».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore