Quantcast

Elezioni amministrative: spostamento in autunno

La decisione del Consiglio dei Ministri: alle urne tra settembre e dicembre. Il commento dei tre candidati sindaco "ufficiali" (al momento) a Saronno

Generico 2018

Era prevedibile, ma ora si attende solo l’ufficializzazione: la tornata elettorale per le amministrative prevista per la tarda primavera 2020 slitterà in una data autunnale, compresa a quanto pare tra settembre e dicembre.

Lo comunica l’agenzia Ansa citando fonti governative e anticipando la decisione del Consiglio dei Ministri a questo riguardo. Una ipotesi che pare consolidata e che sostituisce quella precedente che ipotizzava il voto nel mese di luglio.

A Saronno, prima dell’emergenza Covid-19, si erano fatti avanti in tre, ufficializzando la propria candidatura. Ecco il loro pensiero in merito allo slittamento delle elezioni amministrative:

Alessandro Fagioli
sindaco in carica e candidato di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Saronno al Centro

«Rimandare la tornata elettorale è decisione saggia. Considerando l’emergenza sanitaria in corso sarebbe stato pressoché impossibile lavorare serenamente nel raccogliere le firme per le diverse liste e promuovere i programmi amministrativi per il prossimo quinquennio da parte dei candidati. Speriamo di poter tornare alla normalità il prima possibile».

Augusto Airoldi
candidato di Partito Democratico, Tu@Saronno e lista civica “Airoldi sindaco”

«Lo slittamento delle elezioni amministrative, previste a maggio, era ormai inevitabile. Personalmente ritengo più opportuno il periodo autunnale, almeno per consentire una campagna elettorale più distesa, anche se, credo, inevitabilmente diversa da tutte quelle che l’hanno preceduta. Ma sono certo che i candidati ci stiano già lavorando. Certo nessuno può escludere un ritorno di contagi Covid proprio in autunno e quindi un margine di incertezza rimane. Peraltro, sempre da metà settembre a fine novembre dovrà tenersi anche il Referendum confermativo della riduzione del numero dei parlamentari, fatto slittare dal DL Cura Italia. Sarà quindi opportuno una scelta oculata delle date, magari con un election day a livello regionale per evitare “assembramenti”».

Novella Ciceroni
candidata di Obiettivo Saronno

«Pur immaginando che le elezioni non ci sarebbero state a Maggio non abbiamo mai smesso di lavorare sia per il programma elettorale sia nel coinvolgere e ascoltare i cittadini Saronnesi, cercando anche di essere presenti e di essere di aiuto in questo particolare momento. Abbiamo solamente cambiato modalità, potenziando quella “online”. Per noi che siamo una lista civica avere più tempo per farci conoscere è un vantaggio. Sul sito abbiamo aggiornato il countdown a metà di ottobre».

Le amministrative 2020 coinvolgono ben sette regioni (tra cui non c’è la Lombardia) ovvero Veneto, Liguria, Campania, Toscana, Marche, Puglia e Valle D’Aosta. Undici invece i comuni interessati in provincia di Varese dove i centri maggiori sono Saronno (quasi 40mila abitanti), Somma Lombardo (poco meno di 17mila) e Luino (14.300 circa): nei primi due è possibile il doppio turno. Ballottaggio possibile anche a Legnano, altro centro importante – seppure in provincia di Milano – per tutto il nostro territorio.

Gli altri sono, in ordine alfabetico, Casorate Sempione, Gemonio, Golasecca, Gorla Maggiore, Laveno Mombello, Lonate Ceppino, Masciago Primo e Origgio. In totale, alle comunali, sono interessati quasi 110mila abitanti della nostra provincia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore