Quantcast

Polizia Locale, tempo di bilanci in attesa di festeggiare San Sebastiano

La ricorrenza del Santo patrono è il momento di tirare le fila dell'attività. I numeri e il commento del primo cittadino saronnese Alessandro Fagioli

Generico 2018

San Sebastiano è il patrono della Polizia Locale. Come da tradizione il 20 gennaio o i giorni intorno a quella data si fa un bilancio dell’attività svolta nell’anno appena trascorso.

Anche a Saronno è tempo di bilanci per il corpo di Polizia Locale guidato dal comandante Guseppe Sala. L’organico completo conta 35 unità. Tra le novità più interessanti in vista dell’anno nuovo c’è la sperimentazione delle bodycam per situazioni critiche e l’acquisto di due droni, investimento voluto dall’amministrazione comunale saronnese che proprio della sicurezza ha fatto uno dei propri cavalli di battaglia fin dall’elezione del sindaco Alessandro Fagioli nel 2015.

Di pari passo passo va l’aumento della videosorveglianza: dal 2019 è pienamente operativo il sistema di controllo dei transiti dei veicoli nella città (disponibile anche per i carabinieri). In quattro mesi i nuovi dieci portali di lettura targhe hanno registravano mediamente, tra ingressi e uscite, circa 140 mila passaggi al giorno con picchi di auto non in regola con assicurazioni e/o revisioni di circa 1500. Le pattuglie della Polizia Locale di Saronno hanno fermato e sanzionato complessivamente 339 proprietari di veicoli.

Inoltre sono state installate nuove telecamere nella zona dell’ex-pretura, iniziativa che accresce il sistema di video-sorveglianza che vede alcune strumentazioni anche agli ingressi del parco Lura. In questi ultimi anni gli interventi congiunti sul territorio sono stati costanti con frequenza quasi settimanale e hanno riguardato le aree delle stazioni ferroviarie Nord e Saronno Sud e le relative aree sensibili limitrofe, attività coordinate tra le forze dell’ordine Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Ferroviaria, Carabinieri e Polizia Locale.

La Polizia Locale mantiene in modo costante proprie pattuglie nell’area Stazione Nord e svolge interventi giornalieri su tutte le aree sensibili, sulle aree dismesse e svolge presidii permanenti del centro città e controlli giornalieri nei quartieri periferici. Grazie a queste attività, stando ai dati forniti, sono diminuiti spaccio, risse e scippi. Proprio il tentativo di arginare i fenomeni di spaccio, partendo dalla prevenzione oltre che dal controllo anche con servizi antidroga con l’utilizzo di cani, è stato al centro del lavoro della Polizia Locale di Saronno, città nella quale gravitano più di 8 mila studenti delle scuole superiori.

I NUMERI

REATI ACCERTATI DALLA POLIZIA LOCALE NEL 2019
Persone denunciate 85
stranieri 41
fotosegnalamenti 17
reati per droga 10
violazioni amministrative per consumo di stupefacenti 23

SOSTANZE STUPEFACENTI SEQUESTRATE
Eroina 5,22 gr.
Cocaina 123,25 gr.
Hashish 334,83 gr.
Marijuana 26,92 gr.

Servizi coordinati con altre forze dell’ordine 60
Denunce per manifestazioni non autorizzate 12
Servizi con cani antidroga (Polizia Locale) 16

IL COMMENTO DEL SINDACO

«Il mio più sentito ringraziamento va alla Polizia Locale, che lavora in costante coordinamento con le altre forze dell’ordine che ogni giorno svolgono sul nostro territorio. Viene fatto tanto lavoro, qualcosa si vede di più, altro meno, ma la sensazione è che la percezione di sicurezza sia aumentata nella maggior parte delle zone della città, a cominciare dalla stazione. Sono diminuiti gli spacciatori e anche la presenza di cittadini stranieri irregolari sul territorio è diminuita, passando dai 30/60 soggetti negli anni 2015/2018 a circa una decina di persone, tra l’altro regolarmente denunciate e foto segnalate. Mozziconi, accattonaggio molesto, il bivacco e consumo di alcolici in luogo non consentito, gli imbrattamenti e le affissioni sono stati sotto l’occhio degli agenti (circa 120 le sanzioni comminate), nell’ottica di garantire un decoro urbano sempre maggiore. Interventi si aggiungono quelli coordinati con la Prefettura per il contrasto degli atti di vandalismo e di imbrattamento attuato in particolar modo da gruppi antagonisti, monitorando e presidiando iniziative non autorizzate. Inoltre, con il personale comunale in collaborazione con i proprietari degli stabili, in questi anni si è provveduto a bonificare la città dalle scritte abusive. A tal riguardo è in programma per la primavera un maxi-lifting del sottopasso di via Primo Maggio, uno dei principali ingressi verso il centro della città».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore